Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Tra le richieste, i pagamenti per l’emergenza Giampilieri

Palermo, vigili del fuoco in piazza: “Maggiore dignità”


Palermo, vigili del fuoco in piazza: “Maggiore dignità”
28/06/2011, 12:06

I vigili del fuoco siciliani, aderenti ai sindacati Cgil, Cisl, Uil e Confsal, sono tornati in piazza stamani a Palermo, di fronte al teatro Massimo, per chiedere ancora una volta il pagamento degli straordinari effettuati dall’ottobre 2009 nel corso dell’emergenza di Giampilieri, quando un alluvione causò la morte di 37 persone nel Messinese.
I pompieri, che hanno scritto una lettera al presidente della Repubblica Giorgio Napolitano per richiamare l’attenzione della massima carica dello Stato, denunciano come nonostante la Protezione Civile Nazionale abbia accreditato i 30 milioni di euro al commissario per l’emergenza, Raffaele Lombardo, neanche un centesimo sia stato versato ai lavoratori.
I vigili del fuoco, inoltre, chiedono l’aumento d’organico, insufficiente a far fronte alle centinaia di richieste d’intervento giornaliere; l’adeguamento dei mezzi, spesso vetusti, che penalizzano il Corpo, rendendolo meno efficiente rispetto a quelli delle altre regioni d'Italia. “Protestiamo per chiedere maggior dignità al corpo nazionale dei Vigili del Fuoco in Sicilia - spiega il coordinatore provinciale di FP-Cgil Nicola Pesca -. La carenza d’organico penalizza la nostra Regione rispetto ad altre realtà. A distanza di tanto tempo le nostre richieste sono rimaste inascoltate, e ci vediamo costretti a tornare nuovamente in pizza. Confidiamo di dare un segnale fortissimo all’opinione pubblica, nella speranza che i nostri appelli vengano finalmente raccolti”.

Commenta Stampa
di AnFo
Riproduzione riservata ©