Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Polizia Municipale sequestra mezzo quintale di pane

Pane abusivo, maxisequestro a San Giorgio


Pane abusivo, maxisequestro a San Giorgio
14/12/2009, 19:12

SAN GIORGIO A CREMANO - Maxisequestro degli uomini della Polizia Municipale di San Giorgio a Cremano. Nella tarda mattinata di oggi i vigili hanno posto a sequestro cinquanta chilogrammi di pane confezionato e venduto abusivamente nelle prime ore della mattinata. Gli agenti, coordinati dal comandante Gabriele Ruppi e dal vicecomandante Enrico Maglione, hanno confiscato mezzo quintale di materiale che non riportava etichette relative allo stabilimento di produzione, in contrasto con tutte le norme in materia. L’operazione rientra in una vasta rete di controlli effettuati in questi giorni per contrastare l’abusivismo commerciale in città. Già negli scorsi giorni la polizia municipale ha sequestrato decine di chili di merce di dubbia provenienza ed elevato numerose contravvenzioni ad esercenti che occupavano il suolo pubblico con prodotti in vendita. Ora è toccato ai “panifici pazzi” da cui proveniva il pane poi messo in vendita in strada. I venditori ambulanti si attrezzavano con bancarelle in via Botteghelle, zona commerciale di San Giorgio. Si prediligevano i giorni festivi per la vendita, quando i panifici restavano chiusi ed era difficile per il cittadino comune trovare del pane fresco. In particolare la domenica, giorno, a quanto pare, di maggiore incasso per gli ambulanti. Che entravano in azione di primo mattino e piazzavano a buon prezzo la propria merce nel giro di un paio d’ore.
Dopo il sequestro, secco il commento dell’assessore alla Sicurezza, Francesco Saverio Barone: “Stiamo facendo tanto per incentivare il commercio ed anche per questo dobbiamo essere rigorosi nel rispetto delle regole, in modo da dare le stesse opportunità a tutti i commercianti e da tutelare i consumatori finali. La polizia municipale, troppo spesso ingiustamente criticata, sta effettuando un serio ed importante lavoro di controllo del territorio per garantire che le feste natalizie siano veramente buone per tutti”.

Commenta Stampa
di Salvatore Formisano
Riproduzione riservata ©