Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Bisognerebbe procedere con flebo per la reidratazione

Pannella, i medici avvertono: “Rischio danni irreparabili”


Pannella, i medici avvertono: “Rischio danni irreparabili”
18/12/2012, 18:25

ROMA – Si fa sempre più concreto, a sentire i medici, il rischio di danni irreparabili per Marco Pannella, il radicale da sette giorni in sciopero della sete. Protesta avviata per portare avanti la sua battaglia per l'amnistia e per il diritto di voto dei detenuti.

L’ultimo bollettino medico non fa sperare nulla di buono: “Si sta ormai assistendo allo sviluppo del previsto danno renale. La ripresa dell'idratazione e di un apporto calorico adeguato non sono più procrastinabili ed il rischio di conseguenze irreparabili è sempre più consistente. ”, scrivono nel rapporto i sanitari. Secondo questi ultimi, inoltre, è anche già tardi per iniziare a bere: bisognerebbe procedere con una flebo per la reidratazione.

Ma Pannella, non pare intenzionato ad il suo sciopero, conferma anzi rifiuto delle prescrizioni terapeutiche reidratanti.

Appare preoccupato anche Claudio Santini, il medico che presiede il collegio medico che sta seguendo Marco Pannella: “La situazione del leader radicale è grave per le condizioni fisiche e difficile da gestire per il personaggio. Vorrebbe anche lasciare la clinica, sotto la sua responsabilità, per raggiungere Radio Radicale e parlare alla trasmissione Radio Carcere. Pannella ha una resistenza fisica come poche persone – conclude Santini - ha tuttavia abusato del suo fisico. Avrebbe potuto vivere fino a cento anni, ma in queste condizioni e per la vita che ha fatto sta rischiando molto”.

Commenta Stampa
di Rossella Marino
Riproduzione riservata ©