Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

PANTERA AVVISTATA NELL'IRPINO: REALTÀ O FINZIONE?


PANTERA AVVISTATA NELL'IRPINO: REALTÀ O FINZIONE?
04/11/2008, 08:11

 

La notizia di una pantera vagante è giunta il 10 ottobre dall'Irpinia e, precisamente, da Ariano Irpino (AV). Oggi, la fantomatica pantera è stata avvistata a Paduli (BN), a circa una trentina di chilometri più a nord.
Così la Prefettura di Avellino il 10 ottobre: "Nel comune di Ariano Irpino, è stato avvistato un felino di grossa taglia che "si presume essere una pantera".
Quello che sta accadendo nell'Irpinia e nel Sannio ci fa pensare a tutti gli avvistamenti di pantere degli ultimi tempi: Nel 1999 a Torino, e poi in provincia di Cuneo; nel 2002 nel Cremonese; nel 2005 in provincia di Foggia; nel 2005 di nuovo a Torino; nel 2006 a Roma, nella zona dell'Eur; nel 2007 in provincia di Firenze. Il più delle volte, l'allarme e le ricerche non hanno dato alcun esito. Il più delle volte si è trattato di "visioni" e "allucinazioni" di qualche persona che, evidentemente, non ha visto bene o ha voluto, diciamo, scherzare. Come fa una pantera ad arrivare nel Sannio? Dall'Africa o dall'Asia ci sembra un viaggio tanto lungo quanto inutile. Persa da un circo equestre: come fa un circo a "smarrire" un animale da novanta chili? Ci sembra impossibile! E perché non denunciare lo smarrimento o la fuga del felino? La pantera potrebbe essere fuggita dal giardino di qualche signorotto in vena di rischi particolari, visto e considerato che avere nel proprio giardino, tra papere e cagnolini, una pantera oltre ad essere pericolosissimo è assolutamente vietato dalla legge. Ekoclub pensa che anche questa, per l'ennesima volta, non si tratti di pantera ma di una "bufala"!
Se, per un caso eccezionale, il leopardo nero, stesse effettivamente frequentando le nostre zone, è opportuno catturarla in maniera non cruenta (con reti o anestetici) e rispedirla in un habitat più consono alla sua corretta sopravvivenza. Ekoclub ha sentito che alcune decine di cacciatori, armati di carabina, hanno cercato di compiere un safari nostrano, a tal proposito, fin da ora, l'ufficio legale di Ekoclub si ripropone di agire legalmente nei confronti di questi pseudo cacciatori. L'animale va rispettato e protetto, anche perché per il momento l'unico "reato" che ha commesso è quello di esistere…..o forse neanche quello!
Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©