Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

L'ex capitano dei rossoneri è accusato di corruzione

Paolo Maldini, rinviato a giudizio


Paolo Maldini, rinviato a giudizio
16/07/2010, 12:07

MILANO - Accusato di corruzione e accesso abusivo a sistema informatico, l'ex capitano del Milan, Paolo Maldini è stato rinviato a giudizio. La richiesta è partita dal Pm di Milano, Paola Pirotta.
Come riportato nell'ordinanza di custodia cautelare a carico di Bressi, Maldini era stato intercettato il 26 gennaio 2009 mentre chiedeva a Bressi se era possibile fare una verifica fiscale su un futuro socio, Alessandro Paolo Baresi.
L'inchiesta ha visto numerosi arresti e il coinvolgimento di alcuni dipendenti dell'Agenzia delle Entrate e di vari commercialisti, accusati di aver aiutato imprenditori e titolari di società ad aggirare i controlli fiscali o ad ottenere trattamenti migliori.
Paolo Maldini è stato coinvolto con la consorte, Adriana Fossa, originaria del Venezuela, per la quale il Pm ha chiesto però l'archiviazione.
L'ex numero 3 del Milan avrebbe versato soldi e altre utilità al funzionario dell'Agenzia delle Entrate Milano 1, Luciano Bressi per acquisire dati riservati dell'anagrafe sul socio, nell'ambito di un'operazione immobiliare che voleva portare a termine in Toscana. L'accusa di corruzione si riferisce infatti agli illeciti fiscali.

Commenta Stampa
di Tiziana Casciaro
Riproduzione riservata ©