Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

L’appello: non abbandonare bambini e anziani

Papa Francesco, Chiesa vicina a coniugi in crisi e separati

La famiglia è il luogo dove si impara ad amare

Papa Francesco,  Chiesa vicina a coniugi in crisi e separati
25/10/2013, 15:18

CITTA DEL VATICANO - Papa Francesco ricevendo in udienza i partecipanti alla XXI Plenaria del Pontificio Consiglio per la Famiglia ha detto che  "la famiglia non è la somma delle persone che la costituiscono, ma una comunità di persone. È il luogo dove si impara ad amare, il centro naturale della vita umana. È fatta di volti, di persone che amano, dialogano, si sacrificano per gli altri e difendono la vita, soprattutto quella più fragile, più debole.  Si potrebbe dire, senza esagerare, che la famiglia è il motore del mondo e della storia".  "Ciascuno di noi - ha aggiunto - costruisce la propria personalità in famiglia".

 Il Papa ha ricordato che quest'ultima si fonda sul matrimonio e ha aggiunto: "La comunità-famiglia chiede di essere riconosciuta come tale, tanto più oggi, quando prevale la tutela dei diritti individuali".

Poi l’appello di non abbandonare bambini e anziani: "Una società che abbandona i bambini e che emargina gli anziani recide le sue radici e oscura il suo futuro. Ogni volta che un bambino è abbandonato e un anziano emarginato, si compie non solo un atto di ingiustizia, ma si sancisce anche il fallimento di quella società".

In ultimo il pontefice ha ricordato che la Chiesa  è vicina a coniugi in crisi e ai separati:  "Ci avviciniamo con attenzione e affetto alle famiglie in difficoltà, a quelle che sono costrette a lasciare la loro terra, che sono spezzate, che non hanno casa o lavoro o che, per tanti motivi, sono sofferenti, ai coniugi in crisi e a quelli ormai separati”.

Commenta Stampa
di Rosario Scavetta
Riproduzione riservata ©