Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Il Papa incontra le scuole gesuite di Italia e Albania

Papa Francesco ai cristiani: "Lavorate in politica"

"Noi cristiani dobbiamo immischiarci in politica"

Papa Francesco ai cristiani: 'Lavorate in politica'
07/06/2013, 21:07

Città del Vaticano - "Siate persone libere e non abbiate paura di andare controcorrente". Incontrando nell’Aula Paolo VI agli allievi delle scuole dei Gesuiti di Italia e Albania, papa Francesco si è soffermato sui "valori fondamentali" di libertà e servizio.

Per il vescovo di Roma è importante riflettere "su quello che facciamo, saper valutare ciò che è bene e ciò che è male, quelli che sono i comportamenti che fanno crescere, vuol dire scegliere sempre il bene. Noi siamo liberi per il bene". Tema del bene che si riflette anche nell’impegno in politica. "Noi cristiani non possiamo giocare la parte di Pilato, lavarci le mani, non possiamo, dobbiamo immischiarci nella politica perchè la politica è una delle forme più alte di carità perchè cerca il bene comune. I laici cristiani devono lavorare in politica".

Erano in migliaia stamane le scolaresche di matrice gesuita di italia ed Albania. Il papa è stato lungamente accolto da una emozionante standing ovation e poi ha pronunciato il discorso ai giovani: "Con tutti voi mi sento veramente in famiglia". Subito dopo il papa ha iniziato a parlare a braccio e ha voluto rispondere ad alcune domande poste dai ragazzi. “Nella scuola l’elemento principale è imparare ad essere magnanimi", ha detto papa Francesco spiegando che la magnanimità è "la virtù del grande e del piccolo che ci fa guardare sempre l’orizzonte". "Che cosa vuol dire essere magnanimi? Vuol dire avere il cuore grande, avere grandezza d’animo, vuol dire avere grandi ideali, il desiderio di compiere grandi cose per rispondere a ciò che Dio ci chiede". Bergoglio ha, poi, invitato, i giovani a "compiere bene le cose di ogni giorno, tutte le azioni quotidiane, gli impegni, gli incontri con le persone" e a "fare le cose piccole di ogni giorno con un cuore grande aperto a Dio e agli altri". "È importante allora curare la formazione umana finalizzata alla magnanimità - ha proseguito - la scuola non allarga solo la vostra dimensione intellettuale, ma anche umana. E penso che in modo particolare - ha aggiunto il Papa - le scuole dei Gesuiti sono attente a sviluppare le virtù umane: la lealtà, il rispetto, la fedeltà, l’impegno". Ma è sulla libertà che papa Francesco ha posto maggiormente l'accento: "Essere liberi per scegliere sempre il bene è impegnativo, ma vi renderà persone che hanno la spina dorsale, che sanno affrontare la vita, persone con coraggio e pazienza". 

Commenta Stampa
di Felice Massimo de Falco
Riproduzione riservata ©