Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Ratzinger ricorda e omaggia il suo predecessore

Papa Karol, esempio di riscatto per tutti i cristiani

In vista della beatificazione è boom di souvenir falsi

Papa Karol, esempio di riscatto per tutti i cristiani
21/04/2011, 11:04

ROMA – A pochi giorni dalla beatificazione di Giovanni Paolo II, Papa Ratzinger invoca il nome di Karol Wojtyla come esempio di riscatto per tutti i cristiani. “Nonostante tutta la vergogna per i nostri errori, non dobbiamo dimenticare che anche oggi esistono esempi luminosi di fede; che anche oggi vi sono persone che, mediante la loro fede e il loro amore, danno speranza al mondo”: con queste parole il Papa ha voluto omaggiare e ricordare il suo predecessore, un uomo rimasto nel cuore di tutti e i cui gesti esprimevano sempre verità “e non erano mai enigmatici”. A testimonianza di ciò, la decisione del Vaticano di aprire su Facebook una pagina ufficiale, appositamente dedicata a Giovanni Paolo II, in concomitanza con la sua beatificazione, che avrà luogo il primo maggio a Roma: una pagina diventata subito da record, che segna 6 milioni di contatti e più di 40 mila iscritti. Non solo persone adulte, ma si tratta anche di giovani che si sono avvicinati alla figura carismatica e buona di Papa Woityla, un uomo che è stato capace di parlare ai cuori di tutti, fuori da ogni discorso di razza, religione o ceto sociale e ancora vivo in ognuno.
Intanto l’area intorno al Vaticano è un misto di sacro e profano e in vista della cerimonia di beatificazione ci si prepara a vendere ogni genere di gadget. Nei pressi di via della Conciliazione ci sono banchetti per la vendita di oggetti sacri, ma anche commercianti ambulanti che vendono pizze e panini ed offrono ristoro ai molti turisti già da giorni nella Capitale per partecipare alle cerimonie religiose della Settimana Santa. Numerosi i venditori ambulanti che propongono ogni tipo di souvenir con l’immagine di Wojtyla. Proprio in occasione del grande evento a cui si prepara la Capitale però sono stati sequestrati centinai di souvenir, relativi proprio alla prossima beatificazione di Papa Wojtyla, falsi. Medagliette, monete, collanine, piattini, rosari per un valore di oltre 14 milioni di euro. Il materiale falso è stato trovato dalle Guardie di Finanza all’interno di attività commerciali cinesi in alcuni quartieri della Capitale.

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©