Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Iter di beatificazione accelerato per Giovanni Paolo II

Papa Wojtyla sarà beatificato il primo maggio


Papa Wojtyla sarà beatificato il primo maggio
14/01/2011, 15:01

ROMA - Sei anni e 29 giorni: tanto passa tra la morte di papa Giovanni Paolo II, il 2 aprile 2005, e la sua ascesa agli altari il primo maggio 2011, con la cerimonia di beatificazione in Vaticano che verrà presieduta dal suo successore, Benedetto XVI. Un iter accelerato ma non per questo meno rigoroso, sottolinea il prefetto della Congregazione per le cause dei santi, il cardinale Angelo Amato, che evidenzia le due ''facilitazioni'' avute dal beato Karol Wojtyla: ''l'esonero'', deciso dallo stesso papa Ratzinger, dalla necessità di aspettare cinque anni dalla morte per aprire l'iter canonico della beatificazione, e la ''corsia preferenziale'' riservata al fascicolo del papa polacco. In questo modo, Giovanni Paolo II è riuscito a ‘battere’ un'altra beata record: Madre Teresa di Calcutta, elevata agli altari il 19 ottobre 2003, sei anni e sei settimane dopo la morte avvenuta il 5 settembre 1997. Processo accelerato grazie al risultato del miracolo che la postulazione ha presentato all'esame sulla guarigione dal ''morbo di Parkinson'', la stessa malattia che ha afflitto papa Wojtyla dai primi anni Novanta, di suor Marie Simon Pierre Normand, religiosa dell'Institut des Petites Soeurs des Maternitès Catholiques. Gli atti dell'Inchiesta canonica, regolarmente istruita, e le perizie medico legali sono stati sottoposti, infatti, all'esame scientifico della Consulta Medica del Dicastero delle Cause dei Santi il 21 ottobre 2010 che, dopo aver studiato scrupolosamente le testimonianze processuali e l'intera documentazione, si è espressa a favore dell'inspiegabilità scientifica della guarigione.

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©