Cronaca / Soldi

Commenta Stampa

Per ciascuno un taglio anche di 80 euro al mese

Parma: i dipendenti comunali protestano per i tagli di stipendio


Parma: i dipendenti comunali protestano per i tagli di stipendio
14/03/2013, 16:18

PARMA - Oggi il sindaco di Parma Federico Pizzarotti si troverà ad affrontare il primo sciopero di dipendenti pubblici da quando è stato eletto. I dipendenti protestano perchè, in nome del risanamento del bilancio, il Comune ha tagliato le indennità aggiuntive per gli incarichi "disagiati". Si tratta di una somma variabile dai 50 agli 80 euro al mese; una somma non lieve, rispetto ad un totale medio in busta paga di 1200 euro al mese. 
Questa decisione ha creato un notevole malcontento tra i dipendenti comunali che oggi, in concomitanza con il Consiglio Comunale, si riuniranno alle 17 sotto i portici del palazzo comunale, per protestare. 
Così Pizzarotti è riuscito a scontentare tutti: i dipendenti pubblici con i tagli; le famiglie con l'aumento delle tasse scolastiche; ma anche la base grillna, dato che non ha fatto nulla per ridurre la spesa pubblica. Soprattutto per quanto riguarda le società partecipate dal Coune, vero pozzo di Sant'Antonio delle casse comunali

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©