Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

La difesa chiederà di spostarlo a Palermo

Parma: il Gip conferma l'arresto e il carcere per Ciancimino jr


Parma: il Gip conferma l'arresto e il carcere per Ciancimino jr
23/04/2011, 18:04

PARMA - Il Gip di Parma, all'esito dell'interrogatorio di convalida, ha confermato l'arresto e il fermo per Massimo Ciancimino, accusato di calunnia. Per essere esatti, l'accusa è di aver falsificato un documento, inserendo il nome di Gianni De Gennaro - ex capo della Polizia e dei servizi segreti - in una lista di persone di alto livello che, secondo quanto gli venne riferito dal padre, aiutavano e coprivano la mafia. Tuttavia Ciancimino jr si è sempre professato innocente, sostenendo di aver trovato tra i documenti portati alla Procura di Palermo quella lista, che scrisse lui sotto dettatura del padre, quando quest'ultimo - ex sindaco di Palermo e democristiano, legato molto strettamente ai vertici di Cosa Nostra - era ancora vivo. Solo il nome di De Gennaro era stato aggiunto dal padre di proprio pugno.
Tuttavia questa versione evidentemente non è stata creduta dal Gip, che ha deciso di conseguenza. Ora il legale ha annunciato che chiederà lo spostamento della detenzione in carcere a Palermo
Intanto resta l'alone di mistero sull'esplosivo trovato nel giardino di casa Ciancimino dopo che quest'ultimo l'aveva ricevuto - a suo dire - come minaccia. Si tratta di tredici candelotti di gelatina da cava, ventuno detonatori e alcuni metri di miccia; e per di più c'era il rischio di un auto-innesco accidentale, secondo quanto riferito dal Pm Antonio Ingroia. Tuttavia la versione offerta non convince i magistrati, che stanno indagando per verificare la provenienza del materiale.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©