Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

La prima udienza del processo fissata il 27 febbraio

Parolisi a giudizio immediato per la morte di Melania


Parolisi a giudizio immediato per la morte di Melania
20/01/2012, 15:01

TERAMO – Giudizio immediato per Salvatore Parolisi, il caporalmaggiore accusato dell’omicidio della moglie Melania Rea. Il gip del Tribunale di Teramo, infatti, ha accolto la richiesta, presentata dai magistrati che indagano sul delitto della donna, e ha fissato la prima udienza del processo per il prossimo 27 febbraio, dinanzi alla Corte d’Assise di Teramo. Parolisi, allo stato attuale unico indagato e detenuto nel carcere di Teramo, risponderà di omicidio volontario pluriaggravato e vilipendio di cadavere: è accusato, infatti, di aver ucciso la moglie con 32 coltellate nel bosco di Ripe di Civitella, il 18 aprile 2011. Secondo l’accusa dei pm, Parolisi avrebbe ucciso Melania perché non riusciva più a gestire le relazioni con lei e con l’amante. I difensori del caporalmaggiore a questo punto potrebbero chiedere il rito abbreviato: in questo caso, se l’istanza fosse accettata, il processo non sarebbe pubblico e si terrebbe di fronte al gip e, in caso di condanna, Parolisi avrebbe uno sconto di un terzo della pena. La notizia è stata accolta con grande soddisfazione dalla famiglia di Melania. A parlare è stato il legale della famiglia Rea: “Finalmente facciamo il processo. Speriamo che porti all’accertamento delle responsabilità dell’omicidio di Melania, di cui unico indagato resta Parolisi”, ha commentato, infatti, l’avvocato Mauro Gionni.

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©