Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Partiranno sabato 2 luglio i saldi estivi in tutta Italia

Spesa media per famiglia stimata: 274 euro

Partiranno sabato 2 luglio i saldi estivi in tutta Italia
29/06/2011, 15:06

ROMA - Sabato 2 Luglio partono i saldi in tutta Italia. Data unica, quest’anno per il via ai ribassi estivi. Renato Borghi vicepresidente di Confcommercio e Presidente di Federazione Moda Italia afferma:  "Una conquista di Federazione Moda Italia che ha ottenuto dalla Conferenza delle Regioni un indirizzo unitario per rendere appunto omogenea su tutto il territorio nazionale la data di inizio"Ogni famiglia spenderà in media, per l’acquisto in saldi, tra calzature ed abbigliamento , 274 euro per un valore complessivo di circa 4,1 miliardi di euro (circa il 12% del fatturato totale annuo del settore abbigliamento e calzature). Queste le stime della Confommercio, dopo i disastrosi dati dei saldi invernali. L'acquisto medio di prodotti a saldo per persona sarà di 114 euro. Sulle 25,1 milioni di famiglie italiane, più della metà (15,1 milioni) acquistano prodotti a saldo. "La situazione dei consumi in generale, ma in particolare per l'abbigliamento, permane difficile - afferma Borghi -. Non ci attendiamo, quindi, una stagione di saldi particolarmente effervescente, ma ci aspettiamo una sostanziale tenuta rispetto ai ricavi dello scorso anno. Le stime pessimistiche diffuse in questi giorni ci paiono francamente inattendibili". Attenzione, però, alle truffe sempre in agguato nei periodi di ribassi.Confcommercio ricorda l'obbligo del negoziante di indicare il prezzo normale di vendita, lo sconto e il prezzo finale. Attenzione, anche, al capo in vendita:il negoziante non ha l'obbligo di cambiarlo (meglio quindi chiedere prima dell'acquisto se sarebbe disposto a farlo); l'obbligo sussiste solo se il capo è danneggiato o non conforme. Ma anche perché - afferma Confcommercio - "nulla vieta di porre in vendita anche capi appartenenti non alla stagione in corso" e questo anche se, dice sempre Confcommercio, "i capi che vengono proposti in saldo devono avere carattere stagionale o di moda". Attenzione dunque ai resti di magazzino.

Commenta Stampa
di Carmen Cadalt
Riproduzione riservata ©