Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Passante di Mestre, Matteoli: "Colpa dei concessionari"


Passante di Mestre, Matteoli: 'Colpa dei concessionari'
03/08/2009, 12:08

Sabato scorso è stata una giornata infernale su quella che era l'opera simbolo del governo Berlusconi nel campo delle infrastrutture: il passante di Mestre. 32 chilometri di autostrada completamente bloccati da un mega ingorgo, senza una sola area di servizio lungo il percorso (per legge c'è una distanza minima di 35 chilometrio tra l'una e l'altra e il passante non arriva a 35), sotto il solleone. E a fianco la tangenziale di Mestre praticamente deserta.
Oggi, in un'intervista rilasciata al Corriere della Sera, il Ministro delle Infrastrutture, Altiero Matteoli, assegna la responsabilità dell'accaduto senza dubbi: "Per il Passante si doveva far pre­sente che c’era anche l’alternativa della tangenziale. Bisognava che i concessionari interagissero con l’Anas. Io capisco che i concessionari hanno a cuore di far passare tutti sulle loro auto­strade, però alla fine, quando succe­dono certe cose sono tutti a non farci una bella figura". Questo solleverà non poche polemiche, visto che invece altri danno la colpa all'assurdità del progetto: 5 corsie (due della tangenziale di Mestre e tre del passante) che al momento di rientrare nella A4 si riducono a due. Se c'è un po' di traffico sostenuto, diventa inevitabile che si formino ingorghi.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©