Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

La cantante ha scritto una lettera aperta

Pausini: mi sento impotente di fronte a questa perdita

Procedono le indagini per scoprire le cause

Pausini: mi sento impotente di fronte a questa perdita
05/03/2012, 18:03

REGGIO CALABRIA - Stasera ci sarebbe dovuto essere il concerto di Laura Pausini al Palacalafiore, il palazzetto dello sport di Reggio Calabria. Nessuno poteva immaginare che i preparativi per l'evento di stasera sarebbero finiti in tragedia, eppure qualcosa è andato storto. Un operaio di 31 anni, Matteo Armellini, di Roma, è morto in seguito al crollo del palco su cui si sarebbe dovuta esibire la cantautrice, e altre due persone sono rimaste gravemente ferite. Si tratta di una vicenda analoga a quella dello scorso 12 dicembre, quando morì un ragazzo di 20 anni, Francesco Pinna, un giovane operaio travolto e ucciso dal palco in allestimento a Trieste per il concerto di Jovanotti.

L'incidente si è verificato intorno alle 2,00 di questa notte. Un cedimento strutturale deve aver fatto improvvisamente crollare e "scivolare" la struttura metallica sovrastante il palco, che si è abbattuta su una gradinata laterale e su alcuni operai che erano impegnati a fissare le illuminazioni aeree. La struttura metallica ha colpito in pieno Matteo Armellini, che è morto sul colpo. Il concerto di stasera, naturalmente, è stato annullato.

La Procura della Repubblica di Reggio Calabria ha aperto un'inchiesta e ha disposto il sequestro di tutta la struttura. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco e gli uomini della polizia scientifica, per stabilire le cause e la dinamica dell'incidente. Adesso si tratta di capire se la colpa di quanto accaduto sia imputabile ad un errore di progettazione del palco o ad un errore di esecuzione del montaggio o, ancora, al parquet del Palacalafiore, che non avrebbe retto al peso della struttura montata per il concerto.



AGGIORNAMENTO ORE 18:10


Laura Pausini sconvolta per la morte di Matteo Armellini ha deciso di scrivere una lettera sul suo blog per esprimere il suo rammarico per quanto accaduto e la sua vicinanza alla famiglia dell’operai 32enne scomparso.  "Scrivere queste parole per me è davvero molto difficile e doloroso – si legge nella lettera - mi trovo in uno stato di confusione e fragilità molto forti. Questa notte il nostro amico e compagno di viaggio Matteo Armellini ha perso la vita a Reggio Calabria. – continua la cantante - Matteo era un rigger, un tecnico esperto, un ragazzo giovane, forte, riservato, gentile e sempre attento a far sì che il suo e il nostro lavoro fosse il migliore di tutti. La tragedia che sta colpendo la sua famiglia, me, i miei tecnici, la mia band, i miei ballerini e tutti i miei collaboratori è più grande di ciò che si possa immaginare. Vivere insieme viaggiando è bellissimo e complicato, certamente è una scuola per noi che piano piano diventiamo amici, complici e poi quasi una vera famiglia. Ecco perché oggi penso che è solo ingiusto ed è semplicemente incomprensibile. Mi sento impotente di fronte a questa perdita e vorrei poter far qualcosa ma so di non poter fare niente e questo mi fa sentire ancora peggio.
Sono vicina alla sua famiglia e alla sua fidanzata con tutto il mio cuore…le mie e le nostre sentite condoglianze vengono davvero dall’anima”.
La lettera poi finisce con un commiato “ Noi che siamo la tua famiglia in tour ci inchiniamo davanti a te Matteo e all’amicizia e all’amore che mettevi per ogni tuo gesto, sacrificio e aiuto che ci davi, e si uniscono a me i tecnici feriti che per fortuna ora stanno bene. Ma il nostro lutto è totale. E devastante. Ciao Matteo … Laura e i tuoi amici del tour".
Il cantante Jovanotti appresa la notizia si è detto vicino al tecnico scomparso ma anche vicino alla collega in quanto poco tempo fa anche lui si è trovato in una situazione simile difficile da dimenticare.




 

Commenta Stampa
di Vanessa Ioannou, Simona Buonaura
Riproduzione riservata ©