Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Le morti risalgono a qualche giorno fa

Pavia: il monossido stermina una famiglia, 4 morti asfissiati

Tra le vittime anche due bimbi di 3 e 4 anni

Pavia: il monossido stermina una famiglia, 4 morti asfissiati
05/01/2011, 21:01

PAVIA - Ladriano, provincia di Pavia: un killer silenzioso e letale ha sterminato un'intera famiglia egiziana composta da padre di 35 anni, madre incinta (all'ottavo mese) di 24 e due piccoli di soli 3 e 4 anni.
Il sicario infallibile si chiama monossodio di carbonio e, quasi sicuramente, ha ucciso i 4 nel sonno. La perdita è fuoriuscita dalla canna fumaria della caldania e, senza che la famiglia El Sherif, residente in affitto all'interno di un appartamento di Cirano 9, potesse accorgersi di nulla, il gas ha avuto la meglio.
I cadaveri sono stati ritrovati solo 4 giorni dopo il decesso, in stanze diverse, dai carabinieri che sono intervenuti dopo la segnalazione arrivata da parte di alcuni amici e parenti. Avendo tentato in più occasioni di mettersi in contatto con gli Al Sherif senza riuscirci, gli stessi hanno infatti deciso di rivolgersi alle autorità.
La scena che si è presentata ai militari è stata desolante: il capofamiglia, trovato disteso al suolo, era probabilmente sveglio quando la perdita ha avuto origine. La giovane donna è stata invece rinvenuta distesa sul letto coniugale; i due piccoli sdraiati su di un altro letto. Il monossido, come noto, è un gas inodore che quando viene inalato non lascia scampo. Anche da svegli, difatti, non ci si accorge di niente fin quando non sopraggiunge una forte stanchezza e gli occhi diventano pesanti fino a chiudersi; per sempre.
La cittadinanza del comune di Landriano, composta da poco più di settemila abitanti, è stata colta da grande shock e da forte commozione quando ha appreso della strage operata dal gas. Il capofamiglia, insieme a molti altri immigrati, lavorava regolarmente in un cantiere della cittadina ed era molto conosciuto e benvoluto.

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©