Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

L'uomo, accusato di omicidio, è stato ritrovato e arrestato

Pavia, la rocambolesca evasione di un ergastolano


Pavia, la rocambolesca evasione di un ergastolano
26/11/2010, 18:11

PAVIA – Ha detto che andava in palestra. Invece si è diretto tranquillamente verso le scale ed ha scavalcato il muro di cinta. E’ evaso così, per alcune ore, Valerio Paladini, un ergastolano detenuto nel carcere di Pavia a seguito di una condanna per un omicidio legato alla Sacra Corona Unita.
L’uomo, 30 anni, stando alle prime ricostruzioni è riuscito ad eludere le attenzioni delle guardie per raggiungere il cortile. Qui, dopo aver visto una serie di operai che erano a lavoro in una parte della struttura, ha approfittato del trambusto cercando di afferrare una delle scale utilizzate dagli uomini. Paladini non c’è riuscito, ma questo non gli ha impedito di tentare il tutto per tutto: ha recuperato una seconda scala abbandonata ed ha scavalcato il muro di cinta.
Giunto all’esterno della prigione, il malvivente ha cominciato a correre nelle campagne facendo perdere quasi subito le proprie tracce. Di lui, dunque, non si sarebbe saputo più nulla se il proprietario di una cascina non avesse sentito dei rumori sospetti provenire dal solaio di casa e non avesse chiamato le forze dell’ordine. All’arrivo dei Carabinieri, la scoperta: l’ergastolano era lì, davanti ai loro occhi. Così, per l’uomo che aveva sete di libertà, si sono subito richiuse le porte del carcere.

Commenta Stampa
di Ornella d'Anna
Riproduzione riservata ©