Cronaca / Sanità

Commenta Stampa

Ennesimo esempio di razzismo e cialtroneria

Paziente obeso, la pessima figura della Lega Nord e del Pdl


Paziente obeso, la pessima figura della Lega Nord e del Pdl
19/08/2010, 13:08

MODENA - L'ennesimo, eclatante ed imbarazzante caso di cialtroneria politico-sociale e di probabile razzismo antimeridionale interessa le fila della Lega Nord e del Pdl. In particolarie, i due campioni di un'azione goffa e spinta  da imbarazzante ignoranza, si chiamano Mauro Manfredini (Lega) e Luca Ghelfi (Pdl).
I due "politici" si erano infatti affrettati a presentare un'interrogazione (sia alla Regione Emilia Romagna che alla  Provincia di Modena) per chiedere chi si interessasse del pagamento delle spese di trasporto e di intervento di Salvatore Spatola; paziente obeso originario di Palermo e trasferito all'ospedale Sant'Agostino Estense di Baggiovara  (Modena) per subire un importante operazione per la riduzione della massa grassa.
Appresa la notizia, Manfredini e Ghelfi erano stati infatti assaliti da un atroce dubbio; temendo cioè che le spese mediche sia per il trasporto che per l'intervento fossero addebitate appunto a Regione e Provincia.
Fortunatamente per le tasche dei modenesi e sfortunatamente per la reputazione del duo solerte, però, c'ha pensato l'asessore alle Politiche sociali e sanitarie Francesca Maletti a spiegare per bene come stanno le cose e a precisare, tra l'altro, che le spese sanitarie di Spatola saranno coperte dall'Asl di Palermo e dunque non graveranno sui contribuenti del centro-nord.
Dopo aver ricordato che "Il diritto alla salute va garantito a tutti, indipendentemente dalla provenienza e dalle condizioni sociali ed economiche", difatti, l'assessore ha fatto presente ai due "colleghi" che "Modena e' certamente una citta' all'avanguardia in campo medico e chirurgico ed e' dotata di strumentazioni che altrove non sono disponibili.
Come dovrebbe essere noto a persone che siedono sui banchi dell'Assemblea legislativa regionale e su quelli del Consiglio provinciale, le spese sostenute per i pazienti che provengono da fuori regione vengono sostenute dalle Asl di residenza, in questo caso Palermo, in quanto rientrano nei Livelli essenziali di assistenza (Lea) definiti a livello nazionale. Per quanto, invece, riguarda il costo del trasporto del paziente con un mezzo dell'Aeronautica militare -
ha concluso - Lega nord e Pdl farebbero bene ad interrogare il Governo di cui fanno parte".
Le motivazioni della Lega, tra l'altro, si erano presentate come di tipo prevalentemente economico; sottolineando  l'enorme costo del trasporto aereo (100.000 euro ndr) e chiedendo che fossero i medici specializzati ad essere trasferiti a Palermo con un volo low cost e non Spatola a viaggiare fino a Modena. Fin qui l'interrogazione è più che legittima ma, a questo punto, ciò che fa riflettere e decreta una figura non proprio decoros, è che, come ha notato anche Maletti, i due, rispettivamente impiegati in Regione e Provincia, non conoscevano le procedure standard d'intervento sanitario ed hanno proposto due interrogazioni su un tipo di argomento (trasporto tramite aereo dell'aeronautica) che riguarda il governo centrale e non le amministrazioni locali e, dunque, che vede semmai lo sperpero perpretato dall'esecutivo di Roma e non dai siciliani o dagli emiliani. Che dire: altro fulgido esempio di dirigenti capaci, preparati e soprattutto spinti da grande lungimiranza nelle loro azioni politiche.

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©