Cronaca / Sanità

Commenta Stampa

Pazienti in coma: assistenza a tutta la famiglia

Un progetto dell'Associazione Amici di Eleonora

.

Pazienti in coma: assistenza a tutta la famiglia
12/04/2011, 14:04

NAPOLI - “Coma: Malattia della Famiglia” un progetto dell’associazione amici di Eleonora. Gestito, in collaborazione con l’Associazione Gli Amici dei Cerebrolesi di Telese (BN), che ha inserito nel gruppo di lavoro propri esperti ed operatori sociosanitari. Da un anno una equipe multidisciplinare sta assistendo pazienti in coma ed in stato vegetativo,utile a tracciare un bilancio delle criticità del settore.
Tale progetto prevede una sperimentazione particolarmente avanzata per l’assistenza alla persone in stato vegetativo ed alle loro famiglie nel momento in cui il malato viene inviato al domicilio. Per due anni una equipe multidisciplinare composta da medici neurologi, psicologi, sociologi, fi sioterapisti, educatori sociali, riabilitatori, assisterà pazienti provenienti direttamente da reparti ospedalieri per acutiin coma, in stato vegetativo ed in stato di minima responsività che non necessitano di assistenza ventilatoria meccanica, pazienti con postumi recenti di malattie cerebrali che necessitano di un trattamento riabilitativo.
L’obiettivo principale è quello di realizzare una consolidata esperienza nella elaborazione di cure adeguate per le gravi cerebrolesioni, favorendo la domiciliarizzazione nelle fasi post-acute.
Attraverso l’osservazione dei pazienti, la valorizzazione e la qualifi cazione del rapporto tra medico, riabiliatore, paziente e famiglia la costante assistenza psico-sociologica si tenterà un più agevole reinserimento sociale del paziente nell’ambito familiare e successivamente nel contesto sociale.
Tale attività tende a monitorare in tutte le sue fasi il lavoro riabilitativo e di cura pera) si può contenere la spesa con l’ottimizzazione del lavoro medico e del team specialistico riabilitativo;
b) migliorare la qualità della vita dl malato e della famiglia;
c) mantenere il malato in famiglia;
d) dare supporto assistenziale alle famiglie.
Oggi l’assistenza domiciliare in Campania non esiste o è molto farraginosa, non è mai multidisciplinare. Occorre defi nire precise linee guida che forniscano un servizio appropriato efficiente ed efficace.

Commenta Stampa
di Nando Cirella
Riproduzione riservata ©