Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Ma Azzolini propone la cittadinanza onoraria a Pelù

Pdl Sicilia infuriato:"I litfiba rimborsino i biglietti del concerto"


Pdl Sicilia infuriato:'I litfiba rimborsino i biglietti del concerto'
19/08/2010, 13:08

PALERMO - Non accennano a placarsi le forti polemiche nate a seguito delle dichiarazioni di Piero Pelù durante il concerto tenuto dai suoi Litfiba a Campofelice di Roccella. Sul palco, il leader della rockband, aveva infatti "cantato" contro Silvio Berlusconi e Marcello Dell'Utri; definendo "papi" il primo e personaggio che "ci ha rotto il cazzo" il secondo.
Al Pdl siciliano, difatti, non è per niente andato giù lo spettacolo "eversivo" del gruppo toscano e così, attraverso le parole di Costanza Castello, giovane coordinatrice del partito di Berlusconi, ha dichiarato:"La libertà di espressione quando diventa libero sfogo dei sentimenti più squallidi, offensivi e di incitamento all'odio non può essere difesa ad oltranza ma si espone necessariamente alla critica e al biasimo. E noi ci sentiamo profondamente toccati dalla mancanza assoluta di rispetto dei Litfiba nei confronti di quei siciliani che pur amando la loro musica e le loro canzoni non tollerano questi comportamenti di violenza verbale".
Costanza, che utilizza alla perfezione tutti gli aggettivi abusati dal proprio leader, incalza chiedendo addirittura un rimborso del biglietto da parte dei Litfiba. Motivo? "Hanno trasformato l'unico concerto siciliano in un comizio. Un vero e proprio incitamento all'odio, venendo meno moralmente ai loro obblighi contrattuali con il pubblico. Per questo chiediamo ancora una volta le loro scuse al popolo siciliano e il rimborso del biglietto a tutti i giovani che hanno seguito il concerto di Campofelice di Roccella e non hanno affatto gradito le invettive di Piero Pelù contro tutto e tutti. Ci faremo promotori di questa iniziativa e andremo avanti finché la nostra libertà di critica sia tutelata al pari della loro libertà di offesa".
Come prevedibile, si è invece espressa in una calda dimostrazione di solidarietà l'Italia di Valori che, con il suo portavoce Leoluca Orlando, ha fatto sapere che "quello che dovrebbe essere un diritto di tutti, come sancito dall'articolo 21 della Costituzione, e cioè di manifestare liberamente il proprio pensiero viene, ancora una volta, mortificato e calpestato dai sodali di questo governo".
Intanto, mentre i giovani del Pdl più fondamentalisti vaneggiano un rimborso del ticket a causa di una parola poco gentile rivolta contro un condannato per concorso esterno in associazione mafiosa, c'è chi propone addirittura la cittadinanza onoraria a Pelù e alla sua band.
Si tratta per la precisione del sindaco di San Mauro Castelverde 
Mario Azzolini, il quale, appoggiato anche dal primo cittadino di Pollina Magda Gullotta, intende conferire al gruppo la cittadinanza onoraria delle Madonie. Tra qualche settimana è dunque previsto il dibattito con la band e la decisione finale riguardo l'iniziativa.
I litfiba, dunque, dividono in due la trinacria; con la reazione esageratamente scandalizzata del Pdl, sempre più allergico ad ogni forma di contestazione e l'altro eccesso; rappresentato invece da una cittadinanza onoraria forse ingiustificata.

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©