Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Il cardinale: "Reato terrificante che riguarda la società"

Pedofilia: Bagnasco, possibili "coperture" della Chiesa


Pedofilia: Bagnasco, possibili 'coperture' della Chiesa
28/05/2010, 18:05

CITTA’ DEL VATICANO –  Coperture di abusi sessuali su minori da parte dei sacerdoti: "è possibile". Questa la risposta del cardinale Angelo Bagnasco ai giornalisti che gli chiedevano delucidazioni in merito ai rapporti tra chiesa e pedofilia.  "Se vi sono state coperture di abusi sessuali anche in Italia, nel caso che cio' venga accertato, il giudizio della Chiesa” - ha spiegato il presidente della Cei – “e' quello noto: si tratta di una cosa sbagliata che va corretta e superata".
Per Bagnasco, il problema è drammatico e va affrontato seguendo le linee guida pubblicate dalla Santa Sede: “ serve giustizia coniugata con la cura e il perdono, elementi che non si sostituiscono uno con l'altro", ha detto.
 Ad oggi, comunque, la Cei ha notizia di un centinaio di casi in dieci anni, a fronte di circa 40 mila preti. Lo stesso cardinale ricorda come, mentre quando era vescovo diocesano a Genova non ha registrato nessun caso di pedofilia, gli è capitato di dover verificare una presunta ipotesi a Pesaro, poi rivelatasi “inconsistente”.In tutte queste situazioni, ha tenuto a chiarire il presidente della Cei, "la prima preoccupazione dei Pastori, lo dice il loro cuore e lo dicono le linee guida, e' il bene vero delle singole vittime. Non e' questo” - ha chiarito il porporato – “solo un enunciato ovvio, perche' le situazioni possono essere diversificate a seconda delle persone che hanno subito abusi".
Il cardinale, durante l’intervista, ha anche risposto a una domanda riguardo ad affermazioni dell'Osservatore Romano e del suo direttore Giovanni Maria Vian, sottolineando la sintonia con la linea adottata anche dalla Cei e escludendo che vi fossero implicitamente delle critiche. "L'Osservatore Romano” – ha spiegato – “sembra esortare a mantenere alta l'attenzione: e' giusto e naturale. E' scontato nel senso piu' alto del termine. Non riesco a leggervi ne' un rimprovero ne' un richiamo". Riferendosi ai dati allarmanti riguardo alla crescita del fenomeno degli abusi, soprattutto in ambito familiare, Bagnasco ha poi concluso: “la pedofilia è un reato terrificante che riguarda tutta la società e la Chiesa che fa parte della società”.

Commenta Stampa
di Ornella d'Anna
Riproduzione riservata ©