Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Pedofilia, Meter denuncia 440 profili su Facebook

Polizia postale impegnata al contrasto

Pedofilia, Meter denuncia 440 profili su Facebook
07/06/2013, 11:28

Nuovo colpo alla pedopornografia online da parte dell'Associazione Meter Onlus di don Fortunato Di Noto (www.associazionemeter.org): segnalati ieri 440 profili di Facebook con materiale riguardante minori coinvolti in atteggiamenti sessuali espliciti. Profili (da tutto il mondo, con particolare attenzione dall’America Latina)  con chiara dicitura che invitavano a caricare immagini di bambini tra i 12 e i 14 anni, pagine che promuovevano la pedofilia come “normale”.

E’ la prima volta che viene effettuato uno screening - durato poco più di un ora - sulla piattaforma Facebook e che volontari di Meter (italiani, argentini e brasiliani) dell’OSMOCOP (Osservatorio Mondiale contro la pedofilia di Meter) che in questo modo hanno potuto scoprire una rete molto ramificata di soggetti che producono e divulgano materiale pedopornografico e rivendicavano la liceità di queste abominevoli azioni a danno dei minori. Dal 2010 al 2012 più di 2000 i profili pedofili segnalati nelle piatteforme dei socialnetwok.

 

 

La denuncia è stata immediatamente segnalata da Meter alla Polizia Postale e delle Comunicazioni, compartimento “Sicilia Orientale” di Catania diretta dal dott. Marcello La Bella che ha immediatamente avviato la procedura di verifica, indagine e approfondimento delle segnalazioni.

 

“Ancora una volta si pone all’attenzione i reati connessi sulla rete. Non ci stancheremo mai di sottolineare che l'OSMOCOP lavora 24 ore su 24 tutti i giorni dell'anno in questo campo, garantendo risultati professionali ed efficaci. In quanto Meter - aggiunge - siamo onorati di condividere quest'impegno, visto che di OSMOCOP facciamo parte e andiamo avanti malgrado gli scarsi fondi messi a nostra disposizione dalla regione Sicilia". E ancora: "Vorrei sottolineare l'impegno da parte dei nostri volontari da Brasile e Argentina, a riprova della trasversalità della lotta alla pedofilia e in particolare il ruolo ormai globale assunto dalle nostre attività", conclude don Fortunato.

 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©