Cronaca / Sesso

Commenta Stampa

Pedofilia: Procura, le dichiarazioni della bimba erano ‘oscillanti’


Pedofilia: Procura, le dichiarazioni della bimba erano ‘oscillanti’
25/02/2009, 22:02

Secondo quanto si apprende da fonti giudiziarie, l'attendibilita' della bambina violentata nel 2005 - abuso per cui fu denunciato Pasquale Modestino, oggi fermato a Napoli per lo stupro del dodicenne - sarebbe stata messa in dubbio a causa delle dichiarazioni ''oscillanti'' della piccola. Per gli inquirenti la bambina poteva essere infatti influenzata nella ricostruzione dalla nonna, la convivente di Modestino. E' questa una delle motivazioni che si da' oggi negli uffici giudiziari per spiegare come mai l'operaio comunale fosse a piede libero. In proposito, il procuratore della Repubblica di Napoli Giovandomenico Lepore, risponde: ''Per arrestare una persona non basta la gravita' del fatto di cui e' accusata, anche se si tratta di un atto eclatante. Servono dei gravi indizi di colpevolezza, soprattutto quando le parti lese sono bambini, in grado di essere influenzati''. Perche' i due nipotini acquisiti di Modestino vivevano ancora nel 'contesto familiare promiscuo' riscontrato dalle indagini? ''Di eventuali provvedimenti in merito - conclude il procuratore - ha competenza la Procura dei minori''. 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©