Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Sono 25 le persone denunciate dai Carabinieri

Penisola Sorrentina: Abusivismo edilizio anche a Natale


Penisola Sorrentina: Abusivismo edilizio anche a Natale
26/12/2010, 13:12

A conclusione di mirati servizi finalizzati al contrasto del fenomeno dell’abusivismo edilizio in aree sottoposte a vincolo paesaggistico ed ambientale, i carabinieri della compagnia di Sorrento hanno denunciato in stato di libertà per aver illecitamente realizzato opere edili senza autorizzazioni le seguenti persone: a Sorrento un 66enne del luogo, in qualita' di proprietario e committente dei lavori, realizzava su via Crocevia, presso la propria abitazione, un manufatto di circa 65 mq. pur essendo sprovvisto di qualsiasi titolo abilitativo. Sempre a Sorrento sono stati denunciati: due 55enni 55enne ed un 27enne tutti di Somma Vesuviana, proprietari e committenti dei lavori; un 39enne di Sant’agnello, responsabile dell’impresa di costruzione; realizzavano, in un albergo nella zona collinare di Sorrento, una piscina di circa 100 mq. ed uno scavo di sbancamento di circa 100 mq. per la realizzazione di almeno due camere d’albergo, il tutto senza alcun titolo abilitativo. A Sant'Agnello è stato denunciato una 49enne di Meta, in qualità di proprietaria e committente dei lavori, realizzava su via nastro azzurro, all’interno di un agrumeto, una pavimentazione in calcestruzzo di circa 40 mq. e 2 gazebo con struttura portante e di copertura in legno, il tutto senza alcun titolo abilitativo;sempre a A Sant'Agnello è stato denunciato un 72enne del luogo , proprietario e committente dei lavori, realizzava su via Traversa Selva, due manufatti in muratura coperti con lamiere coibentate per un totale di circa 70 mq., il tutto senza alcun titolo abilitativo. un 44enne, un 50enne, una 51enne ed una 39enne tutti di Sant’agnello ed una 36enne di Vico Equense tutti, in qualita' di proprietari e committenti dei lavori, realizzavano su via Ferraro, 5 box per auto in muratura con copertura in lamiere coibentate per un’ampiezza totale di circa 80 mq., il tutto senza alcun titolo abilitativo; un 54enne e un 57enne entrambi di Sant’agnello in qualita' di proprietari e committenti dei lavori, realizzavano su via ferraro, 2 manufatti per abitazione in muratura e cemento per un totale di circa 90 mq., il tutto senza alcun titolo abilitativo. un 58enne, una 56enne ed una 27enne tutti di Sant’agnello; in qualita' di proprietari e committenti dei lavori, realizzavano lavori di ristrutturazione in un scuola di danza nonostante l’autorizzazione precedentemente rilasciata da quel comune fosse stata sospesa con apposita ordinanza. na 30enne di Piano Di Sorrento; in qualita’ di proprietaria e committente dei lavori, realizzava su via dei platani, senza alcun titolo abilitativo, un manufatto in muratura e cemento ampio circa 50 mq.; un 52enne di Piano Di Sorrento, in qualita’ di proprietario e committente dei lavori, realizzava presso la propria abitazione sita su via maresca, senza alcun titolo abilitativo, 3 appartamenti, per un totale di mq. 95, ricavandoli da locali- depositi gia’ preesistenti, cambiandone altresi’ la destinazione d’uso; una 41enne di Piano Di Sorrento ed un 38enne di Sant’agnello; in qualita’ di proprietari e committenti dei lavori, realizzavano su via artemano, senza i previsti titoli abilitativi, un manufatto di circa 35 mq.; un 47enne di Piano Di Sorrento ed un 50enne di Sant’agnello; in qualita’ di proprietari e committenti dei lavori, realizzavano presso la propria residenza su via colli di fontenelle, un ampliamento di due manufatti, demoliti e ricostruiti, aumentandone la volumetria e indicando falsamente lo stato dei luoghi al fine di ottenere il condono, il parere ambientale ed il permesso a costruire. un 42enne ed una 45enne entrambi di meta; in qualita’ di proprietari e committenti dei lavori, realizzavano presso la propria abitazione su via cesine, un ulteriore vano di circa 70 mq. con pareti in muratura e copertura con lamiere coibentate, il tutto senza alcun titolo abilitativo; tutti i manufatti, per un totale di circa 700 mq., sono stati sottoposti a sequestro.

Commenta Stampa
di Fabio Iacolare
Riproduzione riservata ©