Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

La coppia era seguita dai servizi sociali

Pensionato uccide la compagna, poi si suicida


Pensionato uccide la compagna, poi si suicida
30/06/2011, 18:06

COLLEGNO (TORINO) - Tragico epilogo nella notte, con un omicidio-suicidio, per la vicenda di un pensionato di 85 anni, Santo Guglielmino, che da 15 ore si era barricato in una casa popolare di Collegno minacciando con una pistola Rosa Colusso, la convivente ottantaseienne immobilizzata su una sedia e rotelle e affetta da demenza senile.
Alla fine l'uomo ha sparato contro la compagna malata; poi, ha rivolto l'arma contro di sé. Sono morti entrambi. Li hanno trovati i carabinieri del Gis (Gruppo d'intervento speciale) quando hanno fatto irruzione dopo avere udito quattro colpi d'arma da fuoco e visto fiamme levarsi dall'abitazione. Guglielmino ha prima ucciso la convivente poi, dopo avere incendiato un appendiabiti e un cumulo di carte e bollette, ha sparato altre tre colpi, due nel cortile, l'ultimo puntando l'arma, che deteneva illegalmente, contro se stesso.
A fare perdere la testa al pensionato sarebbe stato un black out della corrente elettrica che ha attribuito al ritardo nel pagamento della bolletta.
Le spese della coppia, infatti, erano aumentate dopo l'incremento, da 84 a 400 euro, del canone d'affitto, scattato perché non aveva risposto a un censimento dell'Atc (Agenzia territoriale per la casa). Guglielmino e Rosa Colusso era una coppia seguita dai servizi sociali.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©