Cronaca / Sangue

Commenta Stampa

L'uomo di 78 anni è stato ferito alla gola e alla schiena

Pensionato ucciso. Sospettate le badanti


Pensionato ucciso. Sospettate le badanti
19/04/2010, 09:04

URURI (CAMPOBASSO) – Alle 2,00 di questa notte è stato ritrovato senza vita il corpo di un Antonio Cammisa, un pensionato di 78 anni di Ururi, un paese in provincia di Campobasso. Le ferite riportate fanno pensare che all’anziano siano stati inferti diversi colpi alla schiena e alla gola con un’arma da taglio, delle forbici probabilmente, che hanno danneggiato gli organi vitali, provocando una rapida morte.
Di prove effettive non ce ne sono. Ci sono solo degli indizi o, meglio, dei sospetti. Qualcuno ieri sera ha visto l’anziano in un bar con le sue due “badanti”, due donne dell’Est di 31 e 27 anni, di cui una pare che fosse la sua compagna. Mentre l’uomo ha preso solo un caffè, le donne hanno fatto uso di alcool. Tornato a casa l’uomo si sarebbe accorto che gli era stato rubato del denaro. Dopo aver sentito urlare, alcuni dei vicini hanno visto due uomini a volto coperto fuggire. Poi la tragica scoperta.
Ma secondo le forze dell’ordine la pista del furto è poco credibile perché si sarebbe trattato di un bottino molto esiguo, di circa 100 euro. Il sostituto procuratore Luca Venturi ha, dunque, interrogato per l’intera giornata le due giovani rumene che negano di essere coinvolte nell’assassinio e continuano a ripetere agli inquirenti che ad uccidere l’uomo “è stato qualcuno penetrato di notte per rubare”. Ieri è stata effettuata anche l’autopsia, per determinare con certezza l’ora e le dinamiche dell’omicidio. Tuttavia per adesso, in assenza di  prove certe, le due donne sono state trattenute.

Commenta Stampa
di Vanessa Ioannou
Riproduzione riservata ©