Cronaca / Sanità

Commenta Stampa

"Cambieranno strategie e terapie"

Per diagnosi e cure la medicina diventa "Nano"


Per diagnosi e cure la medicina diventa 'Nano'
18/09/2012, 17:57

VENEZIA - Molecole intelligenti che scovano cellule malate: è la nuova concezione della terapia e della diagnosi medica. La medicina è tra i settori della ricerca e dello sviluppo che più di altri trarranno vantaggio dalle nanotecnologie. Nuovi strumenti ultrasensibili per la diagnostica e nuovi protocolli di trattamento cambieranno il volto della biomedicina, fino a spingersi verso la singola molecola. Gruppi di atomi selezionati e nanosistemi saranno in grado di analizzare l'ambiente cellulare ed operare di conseguenza. La terapia attuale parte da una serie di azioni diagnostiche, come l'elaborazione di immagini o i raggi X, per poi passare all'effettiva cura . “Il paradigma con cui opera tradizionalmente la medicina è cambiato radicalmente” spiega Fabio Beltram, Director Scuola normale superiore di Pisa, che ha dedicato il suo intervento alla conferenza internazionale di Venezia, The future of science, ai nuovi paradigmi e alle opportunità nella teragnostica (terapia e diagnostica). “La nanotecnologia può intervenire attraverso dei nanosistemi composti da diverse molecole che vengono assimilate dall'uomo. Possono essere iniettate, inalate o introdotte nel corpo umano anche attraverso un collirio”. Oggi i nanosistemi modulari e multifunzionali possono essere progettati e prodotti in modo da fornire un segnale dipendente dal valore di un parametro biochimico specifico. Ad esempio, nel caso del tumore, si tratterebbe di una molecola, “un nano-oggetto con uno specifico dominio che lo porta a riconoscere le cellule tumorali, in pratica lo stesso meccanismo insito negli anticorpi che attaccano i batteri”.

Commenta Stampa
di Valerio Esca
Riproduzione riservata ©