Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Il tunisino aveva appena acquistato sostanze stupefacenti

Per evitare un controllo rischia di uccidere un carabiniere


Per evitare un controllo rischia di uccidere un carabiniere
25/05/2011, 12:05

POGGIOMARINO -Ha rischiato grosso un appuntato dei carabinieri in servizio ieri pomeriggio a Secondigliano dopo aver intimato l’alt ad un tunisino a bordo di un auto il quale invece di rallentare ha accelerato improvvisamente investendolo  e trascinandolo per una ventina di metri, e successivamente poi si è dato  alla fuga. Itti Ferchichi Youssef Ben Mustapha di37 anni ieri era stato notato dai militari sulla Cupa dell’arco alla guida di un Alfa Mito, di proprietà della moglie, nei pressi delle cosiddette “case celesti” con atteggiamento sospetto, a quel punto i militari gli hanno intimato l’alt ma l’uomo   per evitare il posto di blocco ha deciso di scappare ferendo il carabiniere che ha perso conoscenza, e trasportato dal collega all’ospedale Cardarelli è stato ricoverato per contusioni multiple al fianco ed arti superiori con escoriazioni all'avambraccio dx e sx". Partite subito le ricerche i carabinieri hanno trovato l’auto abbandonata in una zona poco distante dal luogo dell’incidente e con controlli incrociati  in serata hanno rintracciato il 37enne tunisino che ha ammesso il gesto folle giustificandolo con la paura di essere trovato in possesso di stupefacenti che aveva appena acquistato per uso personale. Non si è reso conto che l’accusa in questo caso è molto più consistente. Ben Mustapha  è stato sottoposto infatti  a fermo con l’accusa di  omicidio, resistenza e lesioni a pubblico ufficiale. L’arresto è avvenuto a  Poggiomarino da parte dei  Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Napoli con i colleghi dell’aliquota operativa della compagnia di Torre Annunziata, l’uomo poi è stato trasportato a Poggioreale. 

Commenta Stampa
di Simona Buonaura
Riproduzione riservata ©