Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Domani la messa inizierà alle 9:30

Per il Papa 132 delegazioni. Pranzo privato con Kirchner

Scambio di doni tra il pontefice e la presidente argentina

Foto Ansa
Foto Ansa
18/03/2013, 21:03

CITTA' DEL VATICANO - Saranno 132 le delegazioni dei Paesi e delle organizzazioni internazionali che finora hanno comunicato la loro presenza alla Messa di inizio pontificato di Papa Francesco. Domani il Papa lascerà la Domus Santa Marta intorno alle 8:45 ed entrerà in piazza San Pietro con la papamobile o la jeep per un primo giro della piazza prima della celebrazione della messa, che comincerà alle 9:30. Si partirà dalla tomba di San Pietro, dove il pontefice riceverà l'anello del pescatore e il pallio, i due segni del ministero petrino. L'anello scelto da Papa Francesco è in argento dorato con l'immagine di San Pietro con le chiavi, è stato forgiato secondo il modello elaborato da Enrico Manfrini, noto come lo scultore dei papi e morto nel 2004. L'anello del pescatore sarà consegnato dal cardinale decano Angelo Sodano, mentre il pallio sarà consegnato dal cardinale protodiacono Jean-Louis Tauran, colui che ha pronunziato l'habemus Papam. Il cardinale più anziano dell'ordine dei presbiteri Godfried Daneels farà una preghiera.
Papa Francesco ha confermato il suo stemma e lo stesso motto che aveva da vescovo, "miserando atque eligendo". Lo stemma sarà composto da un campo blu con tre immagini in color oro. In alto ci sarà l'emblema dell'ordine di provenienza del Papa, la Compagnia di Gesù, quindi un sole raggiante e fiammeggiante caricato dalle lettere in rosso IHS, monogramma di Cristo. La lettera H sarà sormontata da una croce. In punta i tre chiodi in nero, mentre in basso la stella e il fiore di nardo. La stella simboleggia la Vergine Maria, mentre il fiore di nardo indica San Giuseppe.
Sarà il maltese monsignor Alfred Xuereb, 54 anni, il segretario particolare di Papa Francesco. La notizia è stata data dall'agenzia di stampa Ansa, si attendono conferme ufficiali. Intanto arrivano i dati di ascolto del primo Angelus di ieri. E' stato trasmesso in diretta da piazza San Pietro, come di consueto su Rai1 e ha fatto registrare i maggiori ascolti televisivi della giornata. Alle ore 12 si sono sintonizzati sul canale ammiraglio della Rai 6 milioni 758 mila spettatori con il 41,5% di share.
Cresce del 40% circa il numero di viaggiatori in arrivo a Roma sui treni Trenitalia, in aumento già dal fine settimana in vista dell'Angelus. E sono previsti prezzi scontati per tutti i treni a percorrenza nazionale in direzione Roma per questo particolare evento. Allo stesso tempo, c'è stato grande subbuglio in questi giorni nell'aeroporto di Fiumicino, dove è stato mobilitato il Cerimoniale di Stato, il ministero degli Esteri, l'Enac e le forze dell'ordine. Sono stati accolti capi di Stato, di Governo, ministri, ambasciatori e autorità religiose. Il presidente dello Zimbawe Robert Gabriel Mugabe è sbarcato a Fiumicino alle ore 7 con un volo speciale dell'Air Zimbabwe proveniente da Harare. Il nuovo pontefice ha ricevuto in udienza il cardinale segretario di Stato Tarcisio Bertone, confermato sabato scorso nel suo incarico in forma provvisoria con la formula "donec aliter provideatur". L'incontro più atteso è stato quello con la presidente dell'Argentina Cristina Fernandez de Kirchner, avvenuto stamattina in forma privata presso la Domus Santa Marta. "Non ero mai stata baciata da un pontefice prima di oggi" ha esclamato la presidente argentina, che ha sottolineato alla stampa le parole pronunciate da Papa Bergoglio. Il pontefice ha definito l'America latina "patria grande", un termine molto apprezzato dalla presidente: "Erano le parole che usavano Josè de San Martin e Simon Bolivar. Per molti giornalisti europei il termine non rende quello che rappresenta per un'argentina e latinoamericana, ma per noi questo senso di patria significa lavorare tutti insieme per un'America latina unita". Il Papa e la presidente argentina hanno parlato anche di argomenti forti come il lavoro in condizioni di schiavitù, la tratta umana. Il Papa e la presidente Kirchner hanno pranzato insieme, dopodiché si sono scambiati degli omaggi. Kirchner ha offerto al pontefice un kit per bollire e consumare le foglie secche di mate, la bevanda argentina molto amata da Papa Bergoglio. La presidente latinoamericana ha ricevuto il documento della Conferenza episcopale dell'America latina, una maiolica con l'immagine della basilica di San Pietro e una rosa bianca, che rappresenta Santa Teresa, al quale il pontefice rivolge le sue preghiere.

Commenta Stampa
di Emanuele De Lucia
Riproduzione riservata ©