Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Le inchieste amministrative scagionano medici e agenti di PP

Per il pestaggio di Cucchi, nessun responsabile


Per il pestaggio di Cucchi, nessun responsabile
03/12/2009, 09:12

ROMA - A guardare i risultati delle inchieste amministrative fatte dal Dap (l'organismo che racchiude tutti gli agenti di Polizia Penitenziaria) e dall'Ospedale Pertini, ci sarebbe da concludere che Stefano Cucchi si sia picchiato da solo e poi si sia suicidato. Infatti, dopo l'inchiesta dell'ospedale Sandro Pertini, che scagiona i medici responsabili di Cucchi, descrivendo la sua morte come come un fatto "improvviso ed imprevedibile", anche l'indagine del Dap ha come risultato che "non esistono prove" che dimostrino le responsabilità degli agenti di Polizia Penitenziaria nel pestaggio del giovane geometra romano.
Ma, come dimostra il verbale stenotipico dell'interrogatorio di Samura Yaya, il teste del Gambia che ha assistito, Cucchi è stato picchiato proprio in quelle celle di sicurezza del Tribunale di Roma, poco prima che si svolgesse l'udienza di convalida del fermo. Invece, secondo gli inquirenti, perde valore il contenuto della lettera che un altro detenuto extracomunitario ha fatto arrivare, mediante un parlamentare dell'Italia dei Valori, in cui
riferisce che Cucchi in carcere avrebbe detto che a picchiarlo erano stati i Carabilnieri

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©