Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Decisione presa sul processo che riguarda due agricoltori

Per la Cassazione è reato fare la linguaccia


Per la Cassazione è reato fare la linguaccia
18/12/2009, 17:12

ROMA - Fare la linguaccia, con l'intento di offendere qualcuno è un reato. L'ha detto la Cassazione, esaminando una vicenda accaduta tra due agricoltori che hanno i campi confinanti. In occasione dell'ennesimo litigio, Carlo O. è entrato nel campo del vicino e gli ha cacciato la lingua; il vicino a sua volta è stato lesto nel fotografarlo in quella posa; dopo di che è andato dal Giudice di Pace, per chiedere la punizione dell'altro. Il processo ha percorso i tre gradi di giudizio èed è arrivata davanti alla Suprema Corte, che ha confermato la condanna di Carlo. Trattandosi di un reato lieve, la pena sarà una multa, che verrà assegnata da un Giudice di primo grado. Intanto Carlo però, oltre a pagare il proprio avvocato, è stato condannato a risarcire al suo vicino 1300 euro di spese legali più gli accessori di legge.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©