Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

PER LO SVILUPPO DI NAPOLI E DELLA CAMPANIA: DOPPIA INTESA TRA CONFINDUSTRIA E CGIL CISL UIL


PER LO SVILUPPO DI NAPOLI E DELLA CAMPANIA: DOPPIA INTESA TRA CONFINDUSTRIA E CGIL CISL UIL
19/04/2018, 16:53

Una visione strategica per lo sviluppo di Napoli e della Campania. E’ quanto chiedono prioritariamente Confindustria e Cgil Cisl Uil, che hanno firmato, a tal fine, due protocolli d’intesa finalizzati alla crescita del territorio: uno per la Città Metropolitana di Napoli, l’altro per la regione.

Il raccordo su finalità e obiettivi per il territorio, sulla base di un dialogo tra i vari livelli istituzionali, e tra questi e le parti sociali e produttive, è fondamentale per accelerare e qualificare ulteriormente le progettualità in corso: dai Patti per Napoli e per la Campania alla Zona economica speciale, dal rilancio del sistema portuale agli interventi di rigenerazione urbana per Bagnoli e Campi Flegrei, Napoli est e Pompei, e il Centro storico.

In tale quadro, nel protocollo per lo sviluppo economico della Città Metropolitana, si sottolinea come un’azione efficace per la risoluzione delle emergenze e la valorizzazione delle opportunità possa fare da leva per rilanciare lo sviluppo dell’intero territorio regionale e dello stesso Mezzogiorno. Di qui l’importanza del Piano strategico territoriale della Città Metropolitana, da definirsi con il concorso delle parti economiche e sociali.

Confindustria e Cgil Cisl Uil, nell’intesa regionale come in quella metropolitana, chiedono un vero e organico progetto di sviluppo, dove i corpi intermedi giochino un ruolo attivo: non limitato a sedi concertative formali, ma reso concreto, ed esercitabile pienamente, attraverso spazi di partecipazione alle scelte sulla programmazione.

Al riguardo, il Patto della fabbrica, ratificato a livello nazionale lo scorso 9 marzo, conferma nella contrattazione territoriale e aziendale un elemento su cui costruire risposte efficaci per la crescita economica e sociale delle collettività locali, ridisegnando il modello delle relazioni industriali e contrastando anche fenomeni di dumping contrattuale. Le parti sociali e produttive potranno così meglio contribuire al mantenimento, consolidamento e sviluppo delle imprese esistenti, nonché favorire l’attrazione di nuovi insediamenti produttivi, tutelando nel contempo principi e diritti fondamentali: dal lavoro, alla tutela della salute e della sicurezza, alla tutela ambientale.

Tra gli interventi per rilanciare lo sviluppo, individuati dalle Parti nel protocollo d’intesa regionale, vi sono: mappatura delle aree dismesse; valorizzazione della formazione e delle competenze, anche attraverso l’alternanza scuola lavoro e i contratti di apprendistato per il conseguimento di una qualifica professionale; semplificazione e definizione di tempi brevi  per l’iter amministrativo dei nuovi investimenti; monitoraggio efficace e accelerazione della spesa dei fondi comunitari; contrasto all’evasione e agli sprechi di risorse pubbliche.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©