Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Per ogni telefono rubato guadagna 40 euro: arrestato dalla polizia a Napoli


Per ogni telefono rubato guadagna 40 euro: arrestato dalla polizia a Napoli
20/01/2012, 14:01

Gli agenti della Sezione Antirapina della Squadra Mobile hanno sottoposto a fermo di Polizia Giudiziaria un  18enne napoletano, gravemente indiziato del reato in concorso di rapina aggravata.

Le indagini sono partite dopo che il giovane, insieme ad altri complici, aveva compiuto una serie di rapine nella zona di Fuorigrotta questo mese.

In particolare lo scorso 9 gennaio, in compagnia di altri 4 complici minorenni, si era impossessato di alcuni cellulari ed effetti personali da un gruppo di ragazzi mentre si trovavano all’interno del sottopassaggio della stazione Cumana di viale Kennedy

Dopo alcuni giorni, precisamente il giorno 12, il “branco “ mette a segno una ulteriore rapina ai danni di un ragazzo che si trovava in sella ad uno scooter mentre percorreva via Consalvo.

L’attività investigativa svolta in relazione a queste due rapine ha portato ben presto gli agenti ad individuare dei giovani del quartiere Pianura facendo emergere il ruolo di capobanda dell’Esposito. Questi era solito individuare le vittime, scendeva dal ciclomotore rapinava le persone e poi si allontanava dal complice.

Il complice alla guida del motorino, quasi sempre minorenne, per ogni telefono rubato guadagnava la somma di 30/ 40 euro.  Sono in corso ulteriori indagini per identificare le persone indicate anche come extracomunitari interessate all’acquisto di telefoni di provenienza furtiva.

Gli accertamenti svolti in ordine alla rapina del ciclomotore, i poliziotti accertavano che il 18enne dopo aver commesso la rapina a via Consalvo aveva venduto il ciclomotore a un giovane del quartiere per la somma di 200 euro. Quest’ultimo è stato denunciato all’ A.G. per il reato di ricettazione.

I poliziotti, dopo aver tentato due volte di rintracciare il giovane nella propria abitazione, ieri sera lo stesso si è presentato presso gli uffici della sezione antirapina della Squadra Mobile, dove, ulteriori riscontri hanno consentito di far scattare il fermo. Sono in corso altri accertamenti per identificare alcuni giovani coinvolti nelle rapine.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©