Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Per "terrorismo", ma non ci sono prove nè processo

Perugia: due marocchini espulsi con decreto di Maroni


Perugia: due marocchini espulsi con decreto di Maroni
30/04/2010, 13:04

PERUGIA - Due studenti marocchini, che frequentavano l'Università di Perugia, sono stati espulsi, con decreto del Ministro dell'Interno, per "sicurezza nazionale e prevenzione del terrorismo". E' l'applicazione di una legge approvata nel 2005 dal governo Berlusconi, che concede questa facoltà. Naturalmente per procedere all'espulsione, basta solo il decreto del Ministro, non c'è bisogno di sciocchezze insignificanti quali le prove di aver fatto o tentato di fare qualcosa di illegale o il giudizio di un giudice che attesti la posizione illegale delle persone colpite da questo provvedimento.
La Digos ha accertato - e piacerebbe sapere come - la pericolosità di queste persone per aver contattato pericolosi estremisti e per una loro predisposizione ad atti estremi (si vede che alla Digos hanno assunto qualcuno in grado di leggere nel pensiero, ndr). Inoltre sono stati perquisiti altri 6 studenti stranieri, della stessa università, "rei" di avere avuto contatti frequentio con i due cittadini marocchini espulsi.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©