Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Il cadavere fu ritrovato dal nipote in casa

Peruviano ucciso a Roma: tre persone fermate


Peruviano ucciso a Roma: tre persone fermate
10/03/2012, 12:03

ROMA - Era il 23 febbraio scorso quando il corpo di un cittadino peruviano fu ritrovato, privo di vita, nella sua abitazione a Roma. Oggi, in relazione a quell’omicidio, sono tre le persone sottoposte a fermo di indiziato di delitto. A ritrovare il cadavere di Arturo Campos Taipe, 55 anni, nella sua casa in zona Casilina a Roma, fu il nipote che rincasava: il corpo aveva le mani legate da un asciugamano e il maglione sollevato sulla testa e aveva perso sangue dal naso e dalla bocca. Da subito gli investigatori della squadra mobile avevano pensato a un gioco erotico degenerato fino alla morte del peruviano stesso, che era omosessuale. Campos Taipe aveva precedenti per truffa e spaccio di droga

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©