Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Pesca: Federcoopesca, dai controlli Guardia Costiera emerge filiera ittica virtuosa


Pesca: Federcoopesca, dai controlli Guardia Costiera emerge filiera ittica virtuosa
15/01/2013, 17:47

“Dal rapporto sui controlli effettuati dalla Guardia Costiera nel 2012 emerge che il prodotto ittico venduto e consumato in Italia è sicuro. Solo 1 chilo ogni 1000 chilogrammi di prodotti ittici commercializzati in Italia, presenta anomalia legate alla fase di cattura, di conservazione o di vendita. Se si prende in considerazione il solo prodotto ittico nazionale, la situazione migliora ulteriormente con un rapporto di 3 etti ogni tonnellata”. E’ quanto afferma la Federcoopesca-Confcooperative in merito ai dati diffusi dal Ministero delle Politiche, Agricole, Alimentari e Forestali sul risultato dei  controlli effettuati lo scorso anno dalle Capitanerie di Porto.

“Rispetto al numero dei controlli, le sanzioni amministrative elevate nei confronti dei mercati ittici nazionali sono state solo il 3%, contro il 14% di quelle relative alle pescherie, il 12% della grande distribuzione e il 14% della ristorazione.

Questo vuol dire che, da quando il prodotto ittico viene venduto dai pescatori ai mercati a quando arriva presso i rivenditori o i ristoranti , si perde qualcosa in termini di corretta tracciabilità dei prodotti.”.

Una situazione che rischia di penalizzare il prodotto nazionale a favore di quello di importazione, la cui commercializzazione spesso non prevede il passaggio dai mercati ittici, evidentemente più controllati a monte rispetto ad altri canali di distribuzione” prosegue la Federcoopesca nell’evidenziare come il 37% delle sanzioni riguardano al tracciabilità e l’etichettatura.

“Positivi i controlli in questa direzione, ma è importante puntare anche su iniziative di sensibilizzazione  e informazione verso i consumatori, tese a far conoscere quali sono le indicazioni fondamentali che devono essere presenti sul banco di vendita”.

Afferma l’associazione  nel ricordare quali sono le informazioni da tenere d’occhio in etichetta: zona di pesca, per il Mediterraneo è la zona Fao 37, l’indicazione sui metodi di produzione, ovvero se il prodotto è stato pescato o allevato, il nome scientifico del prodotto oltre a quello commerciale e l’indicazione, qualora lo fosse, che il prodotto è congelato.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©