Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Pesca Sportiva: diramate le nuove regole


Pesca Sportiva: diramate le nuove regole
30/03/2011, 10:03

Il 06 dicembre 2010 è stato emanato il nuovo Decreto Ministeriale sulla pesca sportiva (pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011) con il quale l’Italia si adegua alle normative europee sul monitoraggio della pesca sportiva.

Le nuove regole prevedono l’invio di una comunicazione obbligatoria con la quale chi intende praticare la pesca sportiva rende noto al Ministero delle Politiche Agricole e Forestali l’esercizio di tale attività.

Dal 2 maggio prossimo, quindi, per esercitare tale attività sarà necessario poter esibire l’apposita attestazione di avvenuta comunicazione che può essere ottenuta nei seguenti modi:
- attraverso il sito on-line www.politicheagricole.gov.it (cliccando sul riquadro “Pesca Sportiva Permesso Gratuito”) compilando l’apposito modulo informatico e attendendo l’attestazione dell’avvenuta comunicazione sulla propria casella di posta elettronica;
- presso un qualsiasi Ufficio Marittimo (dal lunedì al giovedì dalle ore 0900 alle 1300) ove personale qualificato procederà direttamente alla comunicazione per il successivo rilascio dell’attestazione all’utente.

L’attestazione di avvenuta comunicazione dovrà essere esibita all’atto dei controlli e qualora se ne sia sprovvisti, occorrerà interrompere immediatamente l’attività di pesca in corso con l’obbligo entro i 10 giorni

Successivi, di presentare l’attestazione di avvenuta comunicazione all’Autorità che ha effettuato il controllo.

La suddetta attestazione ha una validità di 3 anni. Contiene le generalità del pescatore, la tipologia di pesca praticata (terra, bordo, subacquea), la località di pesca, le attrezzature utilizzate (dalla canna alla lenza a mano, ai filaccioni, alle nasse ecc.), l’eventuale indicazione dell’unità da diporto e, infine, l’appartenenza o meno ad associazioni sportive.

Occorre rammentare che l’attestazione non esime il pescatore sportivo dall’obbligo di munirsi delle autorizzazioni prescritte dalle normative vigenti, come ad esempio quelle per la pesca in porto o per la pesca del tonno rosso.

Per qualsiasi ulteriore informazione o chiarimento si invita a collegarsi al sito www.guardiacostiera.it/napoli ove potrà essere consultato il Decreto Ministeriale in forma integrale ovvero scrivere all’indirizzo napoli@guardiacostiera.it per ogni eventuale dubbio o difficoltà incontrata.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©