Cronaca / Giudiziaria

Commenta Stampa

In secondo grado pena ridotta da 30 a 16 anni

Pg Cassazione su omicidio Matei: "Giusto dimezzare la pena per tempesta emotiva"


Pg Cassazione su omicidio Matei: 'Giusto dimezzare la pena per tempesta emotiva'
08/11/2019, 16:46

ROMA - Giunge in Corte di Cassazione una vicenda che ha fatto molto discutere, quella dell'omicidio di Olga Matei, uccisa da Michele Castaldo. I due avevano avuto una breve relazione, nel 2016. Ma lui si era mostrato sin da subito ossessivamente geloso, controllando continuamente il cellulare della donna e tenendo d'occhio ogni suo movimento. Per questo la Matei, dopo solo un mese, decise di porre fine alla loro relazione. Una decisione che Castaldo non accettò e a cui reagì con estrema violenza, strangolandola a mani nude senza pietà. 

In primo grado, Castaldo venne condannato a 30 anni con rito abbreviato (ergastolo, ridotto a 30 anni per la scelta del rito). Ma fu la sentenza della Corte d'Appello a fare discutere, dato che l'uomo venne condannato a soli 24 anni, ridotti a 16 per la scelta del rito. Nelle motivazioni, la Corte disse che l'uomo agì in uno stato di "tempesta emotiva", che giustificava l'abbassamento della pena, insieme alla volontà (mai attuata) di risarcire la figlia della vittima. 

Ed oggi, il Procuratore generale della Cassazione rilancia quel concetto di "tempesta emotiva" per chiedere la conferma della sentenza di secondo grado. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©