Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Piano di interventi per la movida a Napoli


Piano di interventi per la movida a Napoli
10/01/2011, 17:01

Controllo interforze, anche con l’impiego di unità dell’esercito, sulle strade della movida cittadina, estensione e implementazione della video-sorveglianza, coinvolgimento dei gestori degli esercizi pubblici per il rispetto dei divieti di vendita di bevande alcoliche. Queste alcune delle misure decise, stamattina, in Prefettura all’indomani dell’episodio che ha visto il ferimento di due diciottenni in una rissa scoppiata in una delle zone più frequentate dai giovani nei fine settimana. Nel corso della riunione presieduta dal Prefetto, alla quale hanno partecipato il Questore Santi Giuffrè, il Comandante provinciale dell’Arma CC Col Cinque, il Comandante provinciale della Guardia di Finanza Gen.le Grassi, l’Assessore alla Legalità del comune di Napoli Scotti unitamente al Comandante della Polizia Municipale Gen.le Sementa e il Capo di gabinetto della Provincia,dr.ssa Fevola, l’attenzione si è focalizzata sulle aree cittadine interessate dalla movida:
-zona Chiaia -piazza Amedeo, piazza San Pasquale, le vie dei baretti fino alle piazze S.Caterina e dei Martiri;
-lungomare sino a Mergellina,e largo Sermoneta;
-zona Vomero -piazza Vanvitelli, Via Scarlatti e via Luca Giordano;
- centro storico- piazza San Domenico Maggiore, via Tribunali.
Per quanto riguarda la videosorveglianza, alle 82 telecamere esistenti nel capoluogo, di cui 28 già insistono nelle zone indicate, si aggiungeranno, presto, altre 81 telecamere con lettori ottici in vari quartieri della città; il completamento del progetto, finanziato dal P.O.N Sicurezza, è programmato per giugno. L’obiettivo complessivo è quello di rafforzare la telesorveglianza anche nei luoghi di ritrovo della vita notturna cittadina.
All’attività di controllo del territorio concorreranno,con le pattuglie del Comando della Polizia Municipale già attive sulla prevenzione e il contrasto del fenomeno, anche i militari, il cui impiego è stato prorogato fino al prossimo mese di giugno e che insieme a Polizia e Carabinieri pattuglieranno,con particolare attenzione ai fine settimana, anche le aree della movida.
I titolari degli gli esercizi pubblici, convocati in Prefettura mercoledì 12, saranno sensibilizzati sia ad un rispetto puntuale delle disposizioni sulle limitazioni alla vendita di bevande alcoliche, che ad una maggiore collaborazione per l’adozione di misure volte a prevenire l’abuso di alcolici, come l’alcool-test, ma anche ad avviare una specifica formazione per il personale addetto alla somministrazione per favorire una migliore assistenza alla clientela in situazioni di sospetta ebbrezza.
“ La partita da giocare non è facile né di breve durata. Per venire a capo del problema è comunque necessario muoversi con grande equilibrio in modo da garantire, da un lato le giuste esigenze dei giovani di continuare a usufruire degli spazi cittadini per stare insieme nel rispetto delle regole di civile convivenza, dall’altro contrastare qualsiasi insidia che possa minacciare l’incolumità e la sicurezza dei ragazzi nei momenti di svago “ ha dichiarato il Prefetto De Martino.

Commenta Stampa
di redazione
Riproduzione riservata ©