Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Gli immigrati trasferiti in via Brin

Pianura: ghetto sgomberato, residenti commossi


Pianura: ghetto sgomberato, residenti commossi
30/04/2010, 03:04

NAPOLI, 30 APR - Commozione tra gli abitanti di Pianura, quartiere a ovest di Napoli, che oggi hanno salutato con abbracci e foto ricordo gli immigrati che da quasi trent'anni abitavano il 'ghetto' di via dell'Avvenire e che ora sono stati provvisoriamente sistemati in una struttura del Comune di Napoli. Una commozione che cancella quasi di netto le proteste, gli scontri, le accuse che due anni fa, proprio a Pianura, si registrarono tra i residenti e gli immigrati. Allora i cittadini volevano lo sgombero degli extracomunitari che occupavano strutture inagibili, proprio li', in via dell'Avvenire. Oggi uno scenario del tutto diverso. ''Siamo soddisfatti perche' finalmente avremo un posto piu' dignitoso dove vivere - ha detto Mohamed Goumbane', rappresentante della comunita' africana di via dell'Avvenire - speriamo che presto Comune e Prefettura trovino degli alloggi definitivi. Intanto continuero' a tenermi in contatto con tutte le altre persone che vivevano qui e che in questo periodo si sono spostate a Foggia, a Rosarno e in Sicilia per lavoro e ai quali va comunque trovata una sistemazione''. I 170 africani e 13 dei 26 romeni che vivevano a Pianura hanno quasi concluso il trasferimento negli uffici di una ex autorimessa messa a disposizione dal Comune dove sono state allestite delle camerate, servizi igienici e una mensa. Il Comune, per le situazioni piu' difficili, ha attivato anche servizi sociali e sanitari. Quasi tutti gli immigrati hanno lasciato il quartiere con mezzi pubblici, altri a bordo di vecchi scooter o vecchie automobili. Con loro hanno portato pochi indumenti, mentre il resto dei loro oggetti personali verra' preso nei prossimi giorni. Il Comune ha predisposto nella zona un servizio di guardiania per evitare atti di sciacallaggio e che altre persone occupino abusivamente le case fatiscenti del quartiere. Le tre famiglie di italiani, in totale otto persone, di cui tre minorenni, in attesa di una sistemazione che dovrebbe essere decisa in serata dall'assessorato alle Politiche sociali e dal Servizio patrimonio, hanno cominciato a raccogliere le loro cose. Qualcuno e' fermo nel chiedere una sistemazione nel quartiere di Pianura, altri sono disposti anche ad andare fuori pur di lasciare via dell'Avvenire. Resta ancora da sciogliere il nodo dell'abbattimento delle palazzine piu' fatiscenti, una delle quali interessata nei giorni scorsi da un crollo di un balcone, che confinano con altre tutt'ora abitate da due famiglie di italiani.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©