Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Dopo la cerimonia di beatificazione del nuovo santo

Pianura, successo per la I festa di don Giustino Russolillo

Calendario ricco di eventi dal 27 luglio al 2 agosto scorso

Pianura, successo per la I festa di don Giustino Russolillo
06/08/2011, 11:08

Successo senza precedenti per le celebrazioni in onore della beatificazione di Don Giustino Maria Russolillo, il fondatore della Società delle Divine Vocazioni, cui il quartiere di Pianura ha tributato un novenario di eventi e manifestazioni a cura della Commissione per la Beatificazione presieduta da don Ciro Sarnataro. Dal 24 luglio al 2 agosto, infatti, l’intera cittadinanza si è mobilitata affinché il nome del parroco uscisse dai confini flegrei, con concerti, spettacoli teatrali, sagre e processioni; un calendario fittissimo, reso possibile soprattutto dalla sinergia tra associazioni, comitati e istituzioni: «Don Giustino deve diventare simbolo della rinascita di Pianura, dal 7 maggio scorso, giorno della beatificazione, l’intero quartiere sta vivendo una nuova primavera e a partire dalla Municipalità -afferma il consigliere Mario Orlando-, intendiamo ricostruire questo quartiere, rendendo veramente fruibile il turismo religioso che, siamo certi, il carisma di Don Giustino attirerà». Una grande opportunità, quindi, che Pianura intende cogliere, forse il più grande miracolo che si potesse chiedere all’uomo che salutava tutti con un invito, “fatti Santo!”, e che la cittadinanza ha celebrato proprio lo scorso lunedì con una toccante processione. Drappi e coperte finemente ricamate hanno vestito i balconi del popoloso quartiere, mentre una pioggia di coriandoli e petali di fiori avvolgeva la statua del Beato portato in processione da un gruppo di volontari, con lo stuolo di vocazionisti ad aprire il corteo, e migliaia di fedeli a seguirne il passo. «Questo percorso di fede, che -spiega Don Ciro Sarnataro- ricorda il percorso religioso di Don Giustino, vuole segnare nella memoria dei pianuresi il ricordo di un uomo la cui attualità è davvero sconcertante». Tantissimi, infatti, i giovani che hanno partecipato a tutti gli eventi organizzati in onore del vocazionista, almeno quanti gli stranieri che non hanno fatto mancare la loro presenza durante il novenario, la Società Divine Vocazioni, infatti, oltre all’Italia, è presente anche in Brasile, Stati Uniti d'America, Argentina, Nigeria, Filippine, India, Madagascar, Colombia, Ecuador, Indonesia e Galles. «L’entusiasmo della comunità per queste celebrazioni ci ricorda che l’esempio di Don Giustino non è andato perso e -afferma Don Claudio De Caro, della parrocchia di San Giorgio Martire- su quell’esempio dobbiamo costruire il futuro di Pianura». Le celebrazioni, sostenute tra i tanti fedeli anche da Piero Affinito, Nicola Baiano, Giuseppe Manna, Giorgio Varchetta e Vincenzo Forino, e riprese interamente dalle telecamere de “L’Osservatorio flegreo”, si sono concluse ieri sera (martedì 2 agosto) con un emozionante spettacolo pirotecnico nel cortile del Vocazionario, sotto lo sguardo commosso e speranzoso della comunità, che l’ha accompagnato con uno scrosciante applauso. A cura di Rosaria Morra.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©