Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Piazza Vanvitelli: L’orologio segna ancora l’ora legale


Piazza Vanvitelli: L’orologio segna ancora l’ora legale
07/03/2010, 19:03

“ Nonostante che l’ora legale sia terminata il 25 ottobre dell’anno scorso, e che siano trascorsi, dunque, oltre quattro mesi, lo storico orologio di piazza Vanvitelli continua ad andare un’ora avanti, in quanto non si è provveduto all’aggiornamento. Eppure dopo l’intervento di restauro, durato circa un anno, l’amministrazione comunale si era impegnata ad avere maggior cura per gli “impianti dell’ora unica”. Unica sì, ma reale “. Gennaro Capodanno, presidente del Comitato Valori collinari, che ha condotto una lunga battaglia perché si provvedesse al restauro dell’orologio, torna alla carica chiedendo l’immediato intervento degli uffici competenti dell’amministrazione comunale perché si provveda a ripristinare l’ora solare.
“ Lo storico orologio, emblema della piazza, fa parte degli undici orologi elettrici cittadini, ultimi rimasti dei 40, installati oltre 80 anni fa nelle strade di Napoli – ricorda Capodanno -. Gli altri sono ubicati in via S. Lucia, in piazzetta Augusteo, al Museo, in via del Sole, in piazza Cavour, in via Filangeri, in via Mezzocannone, a Montesanto, in via Diaz ed in via Duomo. Questi orologi, all’epoca denominati “ Impianti dall’ora unica “ per il fatto che segnavano sincronicamente la stessa ora in tutti i punti nei quali erano dislocati, furono installati dall’Ente Autonomo Volturno su disegno dell’ing. Ventura e con la fusione delle colonne in ghisa eseguita dalla fonderia di Capodimonte di Enrico Treichler. Ciascuno di essi aveva una propria illuminazione particolare intorno ai quadranti, sicché era possibile leggere l’ora anche a notte inoltrata “.
“ Anche il restauro di tali orologi destò all’epoca con poche perplessità – conclude Capodanno -, dal momento che furono modificate alcune caratteristiche originarie, come la numerazione che, prima dell’intervento, era riportata in numeri romani mentre ora è espressa con numeri arabi ( foto allegata ) “.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©