Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

L’episodio il 2 gennaio. Il ragazzo mentì sulle ferite

Picchiarono uno studente: 3 arresti a Casapound Italia


Picchiarono uno studente: 3 arresti a Casapound Italia
19/03/2012, 20:03

LECCE - Quattro giovani aderenti a “Casapound Italia” sono accusati di essere autori della violenta aggressione, avvenuta la sera del 2 gennaio, a uno studente della facoltà di Lettere e Filosofia di Bologna, ma residente a Lecce, esponente del locale “Collettivo Autonomo Organizzato Studentesco”e “Antifa”. La polizia di Stato di Lecce ha individuato i quattro: tre sono stati arrestati mentre uno è ancora irreperibile. La mattina del 3 febbraio la vittima si presentò al pronto soccorso dell’Ospedale di Galatina dove gli furono diagnosticate fratture alla mandibola e alle ossa nasali, lesioni che egli definì in quel momento accidentali, specificando di aver ricevuto, involontariamente, una gomitata nel corso di una partita di calcio disputata tra amici. Dopo alcuni giorni il ragazzo fu ricoverato all’ospedale di Tricase (Le) e sottoposto a intervento chirurgico. La Digos, considerata l’appartenenza del ferito a gruppi politicamente orientati, iniziò a indagare per accertare se davvero le ferite fossero riconducibili a un evento accidentale come riferito. Dalle indagini emerse invece che il ragazzo fu avvicinato da quattro giovani, a lui noti, aderenti a “Casapound Italia”. In quel frangente sarebbe nata una discussione politica tra militanti e quindi l’aggressione.

Commenta Stampa
di AnFo
Riproduzione riservata ©