Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Pirateria: Fiamme Gialle sequestrano 4mila articoli


Pirateria: Fiamme Gialle sequestrano 4mila articoli
19/11/2009, 10:11


SALERNO - Nell’ambito delle iniziative programmate dal Comando Provinciale di Salerno a presidio della legalità e a contrasto di ogni tipologia di condotta criminale, i Finanzieri della Tenenza di Cava de’ Tirreni predisponevano ed eseguivano una vasta operazione di controllo nel territorio di Mercato San Severino in materia di tutela della proprietà intellettuale, ai sensi dell’art. 171 della legge n. 633/1941. L’esito dell’operazione si è concretizzato nel sequestro di 4.063 supporti magnetici illecitamente riprodotti, di un’autovettura e la relativa denuncia alla Procura della Repubblica di Salerno di un responsabile, V. F., di anni 51, di nazionalità italiana, più volte segnalato alla competente Autorità Giudiziaria proprio per violazione alla legge sulla proprietà intellettuale, il quale ora rischia una severa sanzione di tipo detentivo.
I supporti sottratti al mercato riproducevano vari film in prima visione, brani musicali recenti e giochi per consolle.
In generale, il contrasto a tale tipo di illecito non va sottovalutato, per i riflessi negativi anche sociali e non solo al mercato che si vengono a determinare: danno economico agli artisti e alle imprese colpite dall’indebita riproduzione e, dunque, concorrenza sleale nei loro confronti, con conseguente perdita occupazionale a danno di lavoratori onesti e, nel contempo, sfruttamento di manodopera in posizione di soggezione per varie ragioni, prima fra tutte la permanenza in condizione di clandestinità sul territorio nazionale.
La nuova iniziativa, ultima solo in ordine temporale, testimonia l’impegno profuso dal Corpo per elevare il livello di sicurezza dei cittadini, esigenza questa sempre in evidenza e giammai trascurata, soprattutto nel territorio di questa provincia, dove la criminalità organizzata trae elevati profitti da questo tipo di reati.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©