Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Ma i sindacati della polizia penitenziaria protesta

Pisa: due detenuti evadono con le lenzuola


Pisa: due detenuti evadono con le lenzuola
27/07/2010, 16:07

PISA - L'evasione è stata di quelle classiche: due detenuti del carcere di Pisa sono arrivati al muro esterno, l'hanno scavalcato mediante corde fatte con lenzuola annodate e sono scappati via. Poco lontano hanno fermato una Jeep Cherokee, guidata da una donna, e l'hanno costretta a scendere, minacciandola di morte. Dopo di che si sono allontanati sull'autovettura, facendo perdere le proprie tracce. I due detenuti evasi sono due albanesi, Bledar Shehu, 27 anni, e Roland Dedja, 26 anni, ed entrambi sono attivamente ricercati da Polizia e Carabinieri, che hanno messo numerosi posti di blocco nella zona.
Ma si alza la protesta dei sindacati di Polizia Penitenziaria. Eugenio Sarno, segretario della Uil-Pa, ha detto: "Dalle carceri si può evadere tranquillamente in qualsiasi momento. E’ avvenuto qualche giorno fa a Lecco e ora accade a Pisa. La ragione? Sempre la stessa: il contingente di polizia penitenziaria e gravemente in sofferenza. Stamani un solo agente era preposto alla sorveglianza di tre cortili di passeggio". Più incisivo Capece, segretario del Sappe, che - rammentando che nel penitenziario Don Bosco di Pisa ci sono il doppio dei detenuti che dovrebbe contenere, mentre la Polizia Penitenziaria ha 80 unità in meno - dice: "Da tempo denunciamo le gravi carenze del Don Bosco di Pisa, ma nessuno ha provveduto, neanche con la recente assegnazione dell'ultimo corso. Anzi, in barba alle carenze di organico, sette agenti assegnati agli istituti della Toscana sono stati trasferiti, a partire dal primo settembre all'ufficio di vigilanza del ministero della Giustizia. Sollecitiamo l'ispettorato a fare chiarezza in proposito".

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©