Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Il chip è costato 100 milioni di dollari

Pittsburgh, disabile col pensiero muove braccio bionico


Pittsburgh, disabile col pensiero muove braccio bionico
11/10/2011, 17:10

PITTSBURGH – E’ tornato a sorridere Tim Hemmes, un giovane tetraplegico a cui è stato impiantato un braccio bionico che è in grado di muoversi col pensiero. Il miracolo è accaduto a Pittsburgh, in Pennsylvania. Tim, perse l’arto nel 2004 in seguito ad un incidente in moto avvenuto. Una storia particolare la sua, presa a cuore da dipartimento della difesa americano, che ha finanziato il progetto per una cifra pari a 100 milioni di dollari.

L'esperimento, è durato un mese: al giovane è stato impiantato un chip molto più piccolo di quelli utilizzati nella corteccia motoria. Sono poi iniziati i test, per decodificare le onde cerebrali e tradurle in impulsi per il braccio meccanico.

Ed ora che si è avuta la conferma che la strada intrapresa è giusta il chip verrà tolto al giovane, che aveva l'autorizzazione della Food and Drugs Administration solo per un mese, ma inizieranno nuove sperimentazioni su altri soggetti tetraplegici. L’obiettivo, come sottolineato dall’ideatore del braccio bionico, Michael McLoughlin, della Johns Hopkins University, è sperimentare movimenti sempre più complessi.

Commenta Stampa
di Rossella Marino
Riproduzione riservata ©