Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Pizza a 8 e caffè sospeso. Da Napoli parte la battaglia dell' amore e solidarietà contro la crisi


Pizza a 8 e caffè sospeso. Da Napoli parte la battaglia dell' amore e solidarietà contro la crisi
04/04/2013, 11:46

"Il Caffè sospeso e la Pizza a 8 - raccontano i promotori dell' iniziativa il pizzaiolo Gino Sorbillo, Massimiliano Rosati del caffè Gambrinus sostenuto dal commissario regionale dei Verdi Ecologisti Francesco Emilio Borrelli - sono due atti d' amore e di fiducia dei napoletani verso i loro concittadini e gli italiani. Napoli rappresenta l' elevazione al cubo dei pregi e dei difetti del nostro paese. In un momento di crisi drammatico come quello attuale la città e la Regione più povere del paese invece di chiudersi a riccio nell' egoismo e barbarie hanno deciso di dare fiducia i loro concittadini in difficoltà rispolverando due storiche tradizioni locali. E' anche una risposta all' odio leghista, al livore di personaggi a nostro avviso indecenti come il Governatore del Veneto Zaia che da Ministro all' Agricoltura del governo Berlusconi prima ha tentato di levarci l' stg della pizza napoletana e poi ha fatto approvare una legge che sta danneggiando e azzerando i produttori di bufala Campana. Al rancore e cattiveria di questi personaggi rispondiamo con amore e generosità. Però è bene che i governanti tengano presente che la pizza a 8 ( cioè che si paga 8 giorni dopo averla consumata ) ed il caffè sospeso ( uno sconosciuto lascia pagato alla cassa uno più caffè per chi non può permetterseli ) sono usanze che si sono sviluppate nel dopo guerra in condizioni economiche drammatiche. Il che significa che la popolazione ha difficoltà oramai anche a sfamarsi. Queste iniziative ci auguriamo che vengano realizzate anche in altri locali anche del nord Italia e non vanno confuse con l' operazione commerciale messa in campo da Mcdonald's che ha deciso di vendere panini a 90 centesimi. Per realizzare un prodotto con ingredienti sani e non ogm non si può andare sotto certe cifre. Noi le nostre iniziative le facciamo con i nostri locali spesso artigianali e rischiando di persona".
Già ad ora di pranzo decine di cittadini del quartiere dove ha sede la storica pizzeria Sorbillo ai Tribunali avevano approfittato della possibilità di consumare la pizza e pagarla tra 8 giorni. Al Gambrinus intanto erano stati offerti ben 9 caffè sospesi. Ad oggi resta sempre il Patron del Calcio Napoli Aurelio De Laurentiis il più grande donatore di caffè sospesi negli ultimi tempi. Infatti ogni volta che vince la sua squadra e si trova a passare nello storico locale di P.zza Plebiscito lascia dai 10 ai 50 caffè pagati al banco. Una tradizione molto apprezzata dai napoletani.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©

Correlati