Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Pizzo a ditta di costruzione caserma di carabinieri: 5 arresti nel nolano


Pizzo a ditta di costruzione caserma di carabinieri: 5 arresti nel nolano
22/08/2011, 14:08

Arrestati, nel Napoletano, cinque affiliati a due clan camorristici. Usura e racket, le accuse. Tra le vittime anche un imprenditore che stava costruendo una caserma dei carabinieri. E tra gli arrestati anche chi aveva preso il posto di Ciro Di Domenico, reggente dell'omonimo clan, latitante dallo scorso mese di giugno e proprio poche ore fa finito in manette. Ordinanze di custodia cautelare a carico di Agostino Sangermano, 31 anni, detenuto a Bellizzi Irpino, ritenuto a capo dell'omonimo gruppo camorristico attivo nell'Agro Nolano e in parte della provincia di Avellino in alleanza con il clan camorristico Cava di Quindici (Avellino); Carmine Miele, 48 anni, detenuto a Secondigliano, ritenuto un fiancheggiatore del clan. Arresti importanti anche per personaggi del clan Di Domenico, il cui reggente, ricercato da giugno, è stato catturato poche ore fa a Vieste (Foggia): Nicola Di Palma, 40 anni, detenuto a Secondigliano, ritenuto elemento di spicco del clan camorristico dei Di Domenico attivo nell'area nolana e alleato con il clan camorristico dei Moccia di Afragola; Carmine Vacca, referente del clan Di Domenico per Tufino; Arcangelo Romeo, ritenuto affiliato al clan. Sangermano e Miele sono accusati di usura continuata e aggravata dal metodo mafioso perché si erano fatti promettere e dare interessi e vantaggi usurai per 96.000 euro a fronte di prestiti di 30.000 euro dall'amministratore 57enne di una ditta di costruzioni con vari cantieri attivi (uno, a Tufino, in via degli Olmi, per la realizzazione di uno stabile da adibire a caserma dei carabinieri). Miele, Di Palma, Vacca e Romeo sono accusati di di tentata estorsione continuata e aggravata dal metodo mafioso avendo tentato in più occasioni, tra maggio e giugno 2011, di estorcere la somma di 20.000 euro all' amministratore della ditta di costruzioni che solo così avrebbe potuto proseguire le sue attività 'senza problemi'.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©