Cronaca / Soldi

Commenta Stampa

Pizzo al cantiere per la piscina comunale, due arresti nel Casertano


Pizzo al cantiere per la piscina comunale, due arresti nel Casertano
01/07/2009, 19:07

Secondo gli inquirenti avevano imposto il ‘pizzo’ per la costruzione della piscina comunale di San Nicola La Strada, in provincia di Caserta. Per questo motivo sono finiti agli arresti, accusati di tentata estorsione aggravata, il 28enne Innocenzo Landolfi ed il 22enne Franco Cortese. Durante le indagini è stato accertato che i due si erano presentati al titolare del cantiere pretendendo il pagamento di 60mila euro; in caso contrario, i lavori sarebbero stati ostacolati da continui ‘incidenti’. I due, per rendersi più convincenti, avevano inoltre dichiarato di essere lì a nome del clan Belforte: Cortese è infatti il nipote di Antonio Bruno, in carcere dal 2007 e ritenuto il referente del sodalizio criminale di Marcianise nel territorio di San Nicola La Strada e San Marco Evangelista per le attività estorsive. Il giovane finì nel mirino dei sicari il 24 aprile scorso, quando due killer lo raggiunsero in sella ad uno scooter; probabilmente sarebbe stato ucciso se suo padre, Alfonso Cortese, non fosse intervenuto riuscendo a far cadere la pistola dalle mani del sicario. Il giovane, raggiunto egualmente da tre proiettili, riportò ferite alla spalla, al torace e al bacino e fu dimesso dall’ospedale di Caserta lo scorso 9 maggio.

Commenta Stampa
di Nico Falco
Riproduzione riservata ©