Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Pizzo in cantiere edile, due arresti a Pozzuoli


Pizzo in cantiere edile, due arresti a Pozzuoli
01/12/2010, 14:12


NAPOLI - Ieri mattina, personale della Sezione antiestorsioni della Squadra Mobile ha arrestato in flagranza di reato per tentata estorsione aggravata dal metodo mafioso:
• Gennaro Cavaliere, 41 anni, di Pozzuoli, pregiudicato per estorsione;
• Emilio Capasso, 27 anni, di Pozzuoli, pregiudicato per rapina.
L’arresto si inquadra nella ininterrotta attività info-investigativa che la sezione antiestorsioni della Squadra Mobile svolge quotidianamente nei confronti delle attività imprenditoriali e commerciali presenti in città ed in provincia, con particolare attenzione ai cantieri edili, nei confronti dei quali viene svolto un vero e proprio monitoraggio. Grazie a questa mirata opera di intelligence, nei giorni scorsi, l’attenzione degli investigatori si è soffermata su di un cantiere edile sito a Pozzuoli in via Pansini, località Monteruscello. La preliminare attività ha consentito di acquisire notizia di reiterate minacce nei confronti degli operai, con conseguente richiesta di contatto con il titolare al quale era stato imposto il versamento di una somma da quantificare per gli “amici della zona”. Nei giorni scorsi, sono quindi stati predisposti mirati appostamenti da parte dagli agenti della sezione antiestorsioni finalizzati alla individuazione degli inviati del clan. Ieri mattina, poco dopo le 13, i due estorsori, tornati presso il cantiere, hanno nuovamente minacciato le maestranze, affermando che se il titolare non avesse aderito alla richiesta non avrebbe potuto proseguire i lavori. A questo punto, nonostante un maldestro tentativo di fuga, gli estorsori sono stati bloccati ed arrestati dagli agenti; considerate le modalità con cui la richiesta è stata posta in essere ed il profilo criminale, ai due è contestata la speciale aggravante prevista per coloro i quali commettono un delitto con metodo mafioso. Gli arrestati, entrambi pregiudicati per reati contro il patrimonio, sono ritenuti affiliati al clan Beneduce – Longobardi che controlla gli affari illeciti nell’area di Pozzuoli; Cavaliere, già nel 1996, è stato arrestato da personale di questa sezione antiestorsioni per un analogo episodio.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©